ETHEREVOLUTION: INSIEME NEL FUTURO

Menu
Home » Blockchain » Il Canada testa l’utilizzo della blockchain di Ethereum

Il Canada testa l’utilizzo della blockchain di Ethereum

22 Gennaio 2018 18:00
Tempo di lettura: 3 min.
22 Gennaio 2018 18:00
Giuseppe Brogna

Il governo canadese ha avviato un esperimento per testare l’uso della tecnologia blockchain nel rendere i finanziamenti governativi per la ricerca, e le informazioni sulle sovvenzioni, più trasparenti per il pubblico.

Per l’esperimento, il National Research Council (NRC) sta utilizzando la Catena Blockchain Suite, un prodotto canadese costruito sulla blockchain di Ethereum, per pubblicare i finanziamenti e le informazioni sulle assegnazioni.

Quando il NRC crea o modifica un finanziamento, le relative informazioni vengono memorizzate sulla blockchain di Ethereum, e pubblicate su un database online che i canadesi possono leggere accuratamente.

Su un blog post, il NRC ha affermato:

La blockchain fornisce la massima trasparenza e fiducia, rendendo questa tecnologia un mondo nuovo per le organizzazioni che si sforzano di condurre business trasparenti.

Questi sono ancora i primi giorni, ma ci si aspetta che l’esperimento fornisca indicazioni costruttive sul potenziale della tecnologia blockchain, e su come possa essere utilizzata in funzione di programmi pubblici più aperti e trasparenti.

Cosa è la blockchain di Ethereum?

Come il sito web NRC spiega, “al livello più semplice, le blockchain sono registri pubblci che censiscono transazioni condivise tra molti utenti. Una volta che i dati sono inseriti su una blockchain, diventano sicuri e inalterabili, e forniscono un record permanente.”

L’elevato livello di sicurezza deriva dall’archiviazione dei dati in blocchi che sono memorizzati su una rete di computer in tutto il mondo. Questa combinazione di crittografia e decentralizzazione assicura l’assoluta inalterabilità dei dati.

La più nota manifestazione di tecnologia blockchain è Bitcoin, una valuta digitale che archivia tutte le transazioni su un ledger pubblico decentralizzato.

Ma mentre per bitcoin la sua rapidissima crescita gli ha fatto ottenere più che altro hype, la sua utilità impallidisce in comparazione a Ethereum.

Mentre bitcoin è una valuta digitale, Ethereum è un’intera piattaforma basata su blockchain le cui operazioni sono “alimentate” attraverso il token nativo Ether.

L’utilità di Ethereum deriva dalla sua capacità di eseguire smart contract, che sono operazioni di codifica che consentono di scambiare denaro o dati in modo trasparente e sicuro.

La piattaforma Ethereum è stata anche fornita di un proprio linguaggio di programmazione, che consente agli sviluppatori di creare applicazioni e servizi che utilizzano la sua blockchain.

La Catena Blockchain Suite, realizzata dalla società Bitaccess di Ottawa, è una di queste applicazioni.

Come sta utilizzando la blockchain di Ethereum il NRC?

Ogni volta che il NRC concede un finanziamento a un’azienda o a un individuo, condivide tali informazioni con Bitaccess, che memorizza i dati sulla protetta e tamper-proof blockchain di Ethereum. Le informazioni sul finanziamento vengono poi pubblicate online.

I canadesi possono esaminare le informazioni sul finanziamento, anche filtrando per valore monetario, data, destinatario e regione. Possono, inoltre, verificare le informazioni sulla sovvenzione facendo clic sul link Transaction ID, che li porta alla lista di transazioni sull’explorer Etherscan.io.

A partire da sabato 20 gennaio, il più grande finanziamento elencato nel database è stato un contributo di $ 11.849,901 a un progetto presso la Ryerson University.

L’iniziativa dovrebbe venire come musica alle orecchie del ventitreenne russo-canadese inventore di Ethereum, Vitalik Buterin.

Mentre gran parte dei discorsi sulla crescita delle criptovalute si sono incentrati sul loro potenziale di profitto (il valore del token Ether è aumentato di oltre il 10.000% nell’ultimo anno), Buterin, che ha inventato Ethereum nel 2015 a 19 anni, ha ha voluto sottolineare la più ampia missione alla base della tecnologia.

Il suo sito web e il suo profilo Twitter fanno spesso riferimento all’utilizzo di Ethereum per distribuire potere e fiducia tra le masse, piuttosto che concentrarli sui tradizionali intermediari del potere, come il governo e le banche.

In un’occasione, ha condiviso un articolo che parla dell’utilizzo di Ethereum da parte delle Nazioni Unite e dell’Unione Europea per monitorare le popolazioni di rifugiati e finanziarle, pur sostenendo che l’uso della tecnologia da parte dei governi non necessariamente va contro l’obiettivo della decentralizzazione.

A novembre Buterin ha twittato un sondaggio, chiedendo al suo mezzo milione di follower di votare su quali istituzioni preferirebbero vedere adottare lo storage su blockchain.

Con il 44% dei voti, l’opzione “governo” ha vinto facilmente.

Fonte: GlobalNEWS.ca

Clicca qui per accedere alla guida gratuita su come comprare, vendere, trasferire e conservare in sicurezza gli Ether.

Condividi
  • 61
    Shares

CATEGORIE:

BlockchainProgetti su Ethereum


Giuseppe Brogna

Giuseppe è laureato in giurisprudenza, da sempre appassionato di tecnologia e studioso di tematiche economiche. Stimolato dal potenziale impatto economico e sociale, si approccia al mondo delle DLT; matura particolari interessi nella nuova finanza hitech legata alle tecnologie del ledger distribuito.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi questo articolo

Invia questo articolo ad un amico