LE NEWS SU ETHEREUM IN ITALIA

Menu
Home » Progetti su Ethereum » [Guida] Creare Dai (DAI): 3 modi per guadagnare con la stablecoin decentralizzata

[Guida] Creare Dai (DAI): 3 modi per guadagnare con la stablecoin decentralizzata

02 ottobre 2018 20:30
Tempo di lettura: 20 min.
02 ottobre 2018 20:30
Giuseppe Brogna

Creare Dai (DAI) per guadagnare? La tua prima esclamazione sarà stata: “è un controsenso”.

Dai è, per definizione e di fatto, una moneta stabile (stablecoin). Tuttavia, la creazione di Dai può farti conseguire denaro gratuito. Possibile?

Sei abituato a giocare con i sali e scendi delle criptovalute non stabili, come bitcoin ed Ether. Compri quando scende e vendi quando sale. Almeno si spera..

Ma non ti dispiacerebbe avere molte frecce al tuo arco, imparando a destreggiarti anche nell’ambito delle stablecoins.

Quando ho scoperto per la prima volta Dai, sono rimasto affascinato dai suoi meccanismi di bilanciamento del prezzo.

Dai è una stablecoin decentralizzata. Deve riuscire magicamente a mantenere il suo prezzo intorno al valore di 1 dollaro USA.

La prima cosa che mi è balzata agli occhi, è stata la seguente: per creare Dai dal nulla – senza comprarlo attraverso un exchange – è necessario compiere diverse interazioni con degli smart contracts.

Allora mi sono chiesto, perché imbrigliarsi nelle intricate procedure di creazione di Dai? Non è più semplice comprarlo su un exchange?

Hai capito. È molto più facile scambiarlo su un exchange per un’altra criptovaluta. Nessuna seccatura.

Ma la via più breve non va bene se vuoi ottenere il massimo da Dai: sfruttare i meccanismi speculativi alla base di Dai e guadagnare.

Esatto, se vuoi guadagnare con il suo sistema, devi imparare a creare Dai.

Creare Dai ti consente di guadagnare, contribuendo alle dinamiche di bilanciamento del suo prezzo intorno al valore di 1 dollaro.

Come si guadagna? Ci sono almeno 3 modi per farlo. Te lo sto per spiegare.

Se invece non hai idea di cosa sia Dai, ti consiglio un articolo più discorsivo per capire cosa è Dai e perché una stablecoin decentralizzata è essenziale. Leggi qui.

Se cerchi la guida sul CDP Portal, leggi qui.

In questa guida, ti sto per spiegare come aprire una posizione debitoria collateralizzata (CDP), creare Dai, e sfruttare a tuo favore i meccanismi di teoria dei giochi alla base del sistema.

È difficile? Per niente. È semplice. Basta prendere un po’ di confidenza con i suoi strumenti.

Quella che stai leggendo, è più di una guida pratica. Non ti mostrerò soltanto le operazioni da compiere. Ti spiegherò anche la logica alla base di ognuna.

Un passo alla volta diventerai un esperto di Dai. Vediamolo.

Operazioni preliminari

Per prima cosa, vai sul Dai Explorer. Il Dai Explorer è una dashboard abbastanza intuitiva per interagire col sistema di smart contracts.

Per interfacciarti, devi accedere al tuo wallet per browser MetaMask.

Se non ce l’hai, o non sai come utilizzarlo, ti rimando alla guida su MetaMask. Creare e utilizzare un wallet MetaMask è estremamente semplice e intuitivo. Se ne hai bisogno, leggi qui.

In via preliminare, voglio precisarti che dovrai munirti anche del token Maker (MKR). MKR è il token di Maker DAO, l’organizzazione autonoma decentralizzata alla base del sistema Dai.

È proprio necessario avere MKR per creare Dai? In realtà no. Quantomeno non da subito.

Puoi creare Dai anche senza MKR. Però il token MKR ti servirà per pagare la fee di estinzione, anche solo parziale, del debito contratto per creare Dai. Quindi, potrai anche comprarlo in un secondo momento.

In altre parole, il token MKR sarà necessario nel momento in cui vorrai restituire, in tutto o in parte, i Dai presi in prestito. Sì, perché per creare Dai contrai un prestito. Ci arriveremo.

Quindi, il token MKR puoi comprarlo prima o dopo aver creato Dai. Ma è bene che tu sappia, sin da ora, che senza MKR resteresti vincolato nella tua posizione debitoria collateralizzata (CDP). E prima o poi vorrai/dovrai estinguerla.

Ciò premesso, vediamo come creare Dai e utilizzarli per trarne un profitto.

Vai sul Dai Explorer. Questa è la dashboard attraverso la quale potrai compiere le varie operazioni:

Come puoi notare, è piena zeppa di funzioni e dettagli. All’inizio ti sembrerà di non capirci niente. Ma persevera.

Per non annoiarti, non intendo fornirti una spiegazione generale delle funzioni e informazioni che trovi. Voglio adottare un approccio più pratico. So che lo preferisci.

Quindi, man mano che compiremo le varie operazioni, ti spiegherò di cosa si tratta. Zoomero sui vari pannelli della dashboard e ti illustrerò le informazioni associate. Sarà molto più gradevole.

La prima cosa che devi fare è abilitare i “Token Allowances”, nel pannello sulla destra:

Di default sono tutti sullo stato “Denied”. Abilitali tutti scrollando sul relativo tasto. Per completare l’operazione, MetaMask ti invierà il pop-up per confermare la necessaria transazione. Clicca su “Submit”.

Ripeti la stessa operazione fino a quando non avrai abilitato tutte le allowances. Devono essere abilitate per interagire col sistema e inviare i token. In linea di principio, protesti farlo anche successivamente. Mi spiego.

Se non hai già eseguito questo step in via preliminare, per alcune operazioni che dovrai compiere (ad es. vincolare gli Ether come collaterale, saldare il debito in Dai ecc.), ti verrà richiesto di effettuare una doppia transazione. La prima servirà ad abilitare la relativa allowance, e l’altra per compiere l’operazione.

Fatta questa ulteriore precisazione, posso finalmente mostrati come creare Dai.

WETH e PETH

Devi sapere che Dai è un prestito garantito da un collaterale. Il collaterale è Ether. Ma prima di vincolare gli Ether, devi compiere delle operazioni per rendere Ether funzionale allo scopo.

La prima cosa da fare è “wrappare” Ether. Vuol dire che Ether deve essere trasformato in “wrapped ETH(WETH).

WETH non è altro che un token ERC20. Quindi questo procedimento “tokenizza” Ether, in modo che possa essere utilizzato come un qualsiasi altro token ERC20, allo scopo di sfruttarne le funzionalità.

Al centro della dashboard, trovi il pannello “Wrap/Unwrap ETH”:

“ETH Balance” indica l’ammontare di Ether che hai sul tuo account Ethereum. In questo caso ne ho 3.990, e ho deciso di wrappare 2 Ether. Clicca su “Invia”. MetaMask ti invierà il pop-up nel quale dovrai cliccare su “Submit”.

Ora disponi dei WETH, ma ancora non puoi vincolarli per creare Dai

I WETH devono essere trasformati in “pool ETH” (PETH). In altre parole, i tuoi WETH devono essere uniti a una grande pool di Ether, che rappresenta il collaterale per tutti i Dai creati.

In alto a sinistra della dashboard, trovi i pannelli “WETH” (con banda grigia) e “PETH” (con banda celeste):

Nel pannello “WETH” ti viene comunicato il saldo (“Your Balance”) di WETH (che nel mio caso è 2, perché allo step precedente ho wrappato 2 Ether), l’ammontare generale di tutti i WETH esistenti (“Total Supply”) e il totale generale dei WETH convertiti in PETH (“Total Pooled”).

Ora, per convertire i tuoi WETH in PETH, clicca su “Convert WETH to PETH”.

Si aprirà la seguente finestra in cui devi indicare la quantità di WETH da convertire:

Io ho deciso di convertire 1,5 dei miei 2 WETH. Clicca su “Invia”.

Una volta eseguita la transazione, nel pannello “PETH” (quello mostrato nell’immagine sopra) ti verrà indicato il saldo in PETH (“Your Balance”). Nel mio caso è, ovviamente, 1.500.

Ci siamo quasi. Una volta che hai ottenuto i PETH, puoi procedere all’apertura di una posizione debitoria collateralizzata (CDP). Ciò serve a vincolare i PETH e prendere in prestito Dai in forza di una garanzia, rappresentata appunto dai PETH.

Aprire una CDP

Per aprire una CDP, vai in fondo a sinistra della dashboard:

Per aprire la tua CDP, clicca su “OPEN YOUR CDP”.

Dopo averla aperta, la tua CDP apparirà nella sezione “My CDPs” del pannello dedicato alla gestione delle CDP:

Qui avrai tutte le info riguardanti la tua CDP. Inoltre, sotto l’ultima voce sulla destra, “Actions”, hai tutte le azioni (“Lock”, “Free”, “Draw” ecc.) che puoi compiere per gestire la tua CDP. A breve te le mostro.

Ora la tua CDP è aperta, ma ancora non hai vincolato i PETH necessari per contrarre il debito e creare Dai. Clicca allora su “Lock”, sotto la voce “Actions”. Si aprirà la finestra in cui devi indicare l’ammontare di PETH che vuoi vincolare.

Anche se dispongo di 1,5 PETH, vincolo solo 1 PETH. Questo per rendere più semplice la comprensione del rapporto di collateralizzazione della CDP. Ora ci arriviamo e te lo spiego.

Dopo aver effettuato la transazione per vincolare i PETH, le info della tua CDP si aggiorneranno:

“Locked (PETH)” ti indica l’importo dei PETH vincolati. Nel mio caso è 1.000 PETH.

“Available DAI (to draw)” è la voce più importante. Ti indica l’ammontare massimo di Dai che puoi prendere in prestito, in ragione del valore in dollari dei PETH che hai vincolato come collaterale.

Nel mio caso posso prendere in prestito non oltre 157,607 Dai. Perché? Te lo spiego.

Rapporto di collateralizzazione della CDP

Poiché il collaterale (Ether) è un asset volatile, il valore in dollari USA degli Ether vincolati a garanzia deve essere almeno il 150% del valore in dollari USA (ogni Dai vale 1 dollaro) dei Dai complessivi da prendere in prestito.

Quindi, se ad esempio hai vincolato un ammontare di Ether del valore di 150 dollari, sarai in grado di prendere in prestito non oltre 100 Dai (del valore complessivo di 100 dollari).

Se sei un attento lettore, hai già capito che prendere in prestito l’importo massimo di Dai non è affatto una buona idea.

Non lo è perché saresti al limite della liquidabilità della tua CDP: una diminuzione anche irrisoria del prezzo di Ether, andrebbe a infrangere il rapporto minimo del 150%. La tua CDP entrerebbe in zona rossa di liquidazione.

È sempre buona norma, quindi, prendere in prestito un ammontare di Dai tale da lasciare margine sufficiente anche in caso di forte discesa del prezzo di Ether.

Pertanto, 150% costituisce il “Liquidation Ratio”. È, cioè, il rapporto di collateralizzazione al di sotto del quale una CDP può essere liquidata.

Questo rapporto è stabilito dalla DAO Maker. È, quindi, votato dagli holders del token MKR. Nel momento in cui scrivo la guida è fissato a 150%, ma potrebbe essere variato in futuro. Quindi tu potresti avere a che fare con una percentuale diversa.

Questa informazione, insieme ad altri dati, la trovi nel pannello “System Status”, al centro della dashboard:

Come ti ho detto, il “Liquidation Ratio” è deciso dagli holders del token MKR. Anche tu potresti diventare un holder del token MKR e partecipare alla gestione del sistema DAI. Compralo sul mercato e unisciti alla DAO Maker.

In qualità di possessore del token MKR, saresti incentivato a votare per rapporti di collateralizzazione sicuri, in grado di ridurre al minimo i rischi di sotto-collateralizzazione delle CDP.

Saresti motivato ad agire in tal senso, altrimenti il prezzo di mercato del tuo token MKR si ridurrebbe per ragioni di diluizione. Cosa vuol dire?

Se è innescata la procedura di liquidazione di una CDP, ma il valore del collaterale non è sufficiente a coprire il costo di acquisto dei DAI necessari a chiudere la CDP, verranno emessi nuovi MKR al fine di essere venduti sul mercato per ottenere gli Ether necessari a coprire la differenza.

Questo può accadere nel caso in cui il prezzo di Ether sia sceso in maniera così repentina da rendere il valore del collaterale inferiore al valore dei Dai presi in prestito.

Dunque, il ricorso all’emissione di nuovi MKR ridurrebbe l’effetto scarsità dei tuoi token. In qualità di holder, vedresti tagliato il valore del tuo investimento.

Peraltro, proprio per favorire l’effetto scarsità, e far avvalorare i token MKR, sono previsti meccanismi di distruzione di questi ultimi. Ma te lo spiego nel momento in cui ti parlerò dell’estinzione del debito contratto per creare Dai.

Fatta questa dovuta chiosa, ritorniamo alla guida e al procedimento che stavamo seguendo.

Creare Dai (contrarre un debito)

Come ti ho fatto vedere sopra, nel mio caso, posso prendere in prestito non oltre 157.607 Dai. Ciò perché ho vincolato a garanzia 1 Ether (1 PETH), e il prezzo corrente di 1 Ether è 236.375 dollari. Questo valore costituisce il 150% dell’importo massimo di Dai prendibili.

Ho intenzione di avere una CDP sicura. Quindi, dei 157.607 Dai disponibili, ne prenderò in prestito solo 50.

Per prendere in prestito i Dai, clicca su “Draw”, sotto la voce “Actions”. Nella finestra che appare, scegli l’importo da prendere in prestito e clicca su “Invia”.

Dopo aver effettuato la transazione, le info della tua CDP si aggiorneranno di nuovo:

“Stability Debt (DAI)” indica la quantità di Dai che hai preso in prestito (nel mio caso 50 Dai).

“% Ratio” indica il rapporto di collateralizzazione della CDP. Nel mio caso è 472.823%, quindi sono lontano dalla soglia del 150%. La mia CDP è sicura, tant’è che in “Status” viene contrassegnata come “Safe”.

Viene anche indicato il “Liquidation Price”. Si tratta del prezzo in dollari di Ether raggiunto il quale la CDP diventerebbe non sicura e passibile di liquidazione. Quindi, nel mio caso, se il prezzo di Ether dovesse raggiungere i 74.988 dollari, la mia CDP entrerebbe in area di liquidazione.

Ovviamente, se il prezzo di Ether scende, e la tua CDP si avvicina alla soglia di liquidazione, puoi “soccorrerla” in diversi modi.

Potresti ad esempio restituire, in tutto o in parte, i Dai presi in prestito (vedi sotto). Oppure, potresti reintegrare il margine aggiungendo nuovo collaterale alla CDP, quindi vincolando nuovi PETH.

Ora che hai finalmente capito come creare Dai, puoi trasferirli allo scopo di utilizzarli per attività speculative.

Trasferire e utilizzare Dai

È probabile che tu voglia trasferire Dai sull’exchange con il quale operi.

Se, però, intendi scambiare DAI attraverso un DEX (exchange decentralizzato), non è necessario che tu trasferisca DAI. Devi solo collegarti al DEX, con lo stesso account che hai utilizzato per creare i DAI.

Ciò premesso, vediamo come trasferire Dai.

Vai nel pannello “Transfer” della dashboard:

In “Token”, seleziona “DAI”. Inserisci l’indirizzo Ethereum (“To”) verso cui intendi trasferirli e l’importo (“Amount”). Clicca, infine, su “Invia”.

Quindi, ora cosa me ne faccio dei Dai?

Non c’è un unico modo di utilizzare Dai allo scopo di guadagnare. Per diventare un utente skillato, devi ragionare su cosa accade nel sistema Dai e quale strategia adoperare in relazione agli eventi interni ed esterni al sistema.

Dai non vale mai precisamente 1 dollaro. È un continuo fluttuare intorno al valore di 1 dollaro. Quindi quando Dai vale più di 1 dollaro, gli incentivi operano in funzione della riduzione del suo prezzo.

È in questo caso, quando il prezzo ha superato il valore di 1 dollaro, che hai l’incentivo a compiere la procedura che ti ho mostrato: creare Dai da zero.

Maggiore è la distanza da 1 dollaro, maggiore sarà il tuo incentivo a riportarlo al punto di equilibrio. Creare Dai nel momento in cui prezza più di 1 dollaro, ti consente di trasferirlo su un exchange e venderlo a un prezzo superiore a 1 dollaro.

Si tratta essenzialmente di denaro gratuito. La spinta alle vendite ridurrà il prezzo di Dai.

Ovviamente, stai pensando: “ma prima o poi dovrò restituire i Dai che ho preso in prestito, per saldare il debito.” Esatto, e lo farai al momento opportuno. Ci arriviamo.

Un altro motivo per cui potresti voler creare Dai è la “leva decentralizzata”. Se hai familiarità col margin trading, sai di cosa parlo.

In base alla tua analisi di mercato ritieni che Ether sia sul punto di aumentare di prezzo? Mercato bullish alle porte?

In questo caso puoi utilizzare la tua CDP per comprare Ether a margine. Vincoli i tuoi Ether in una CDP, prendi in prestito Dai, li utilizzi per comprare altri Ether attraverso un exchange.

Tali ultimi Ether li impieghi per accrescere ulteriormente le dimensioni della tua CDP. È un’attività che puoi compiere senza terze parti, o alcuna autorità centralizzata che ti consenta di farlo.

Il margin trading può essere realizzato interamente sulla blockchain, al riparo dalle fumose attività degli exchange che fanno saltare le posizioni.

Ti è mai capitato di dover accedere all’account dell’exchange per coprire la leva, ma il sito era down? Oppure, hai mai notato strani movimenti di prezzo, non armonici, volti a far saltare le leve? Nel mondo centralizzato tutto ciò può avvenire.

I vantaggi della decentralizzazione vanno oltre la tua ragionevole immaginazione. Con Dai puoi prendere un prestito, sfruttare le sue oscillazioni di prezzo, fare margin trading decentralizzato ecc.

Tutto molto bello. Ma ci sono dei rischi? Sì, ci sono. Te ne parlo alla fine.

Vediamo prima come si fa a saldare il debito e a chiudere una CDP. In questa fase potrai sfruttare anche una terza tecnica per guadagnare con Dai. Guadagnare pagando i debiti, chi è che non vorrebbe mai farlo?

Saldare il debito

È giunto il momento di mostrarti come saldare in tutto o in parte il debito. Vedremo anche come chiudere definitivamente la CDP.

Come ti ho appena fatto intuire, puoi anche saldare parzialmente il debito. Così facendo, aumenterai il rapporto di collateralizzazione della tua CDP, rendendola ancora più sicura.

Che tu voglia saldare interamente o parzialmente il debito, la procedura è la stessa. Vediamo come fare. Poi ti spiego in quali momenti conviene estinguere il debito.

Ovviamente, per compiere questa operazione, devi ritrasferire i Dai sull’account Ethereum che hai utilizzato per aprire la CDP.

Dopo averlo fatto, nel pannello di gestione della CDP, clicca su “Wipe”, sempre sotto la voce “Actions”. Nella finestra che si aprirà, inserisci l’importo dei Dai che vuoi restituire (verranno distrutti) per recuperare il tuo collaterale. Clicca poi su “Invia”.

Io ho deciso di restituire tutti i Dai che avevo preso in prestito, quindi 50 Dai.

Dopo aver effettuato la transazione, le info della tua CDP si aggiorneranno:

Nel mio caso ho saldato l’intero debito. Ecco perché il rapporto di collateralizzazione (“% Ratio”) non è contrassegnato da alcun valore. La CDP non è gravata da debiti.

All’inizio di questa guida ti ho ricordato che è necessario disporre anche del token MKR. Infatti, per l’estinzione del debito in una CDP, è richiesto il pagamento di una fee annua dell’1%, corrispondibile solo in MKR.

Prendiamo l’esempio in cui hai ottenuto un prestito di 500 Dai contro 1000 dollari di Ether, e lo mantieni per un anno. Per estinguere il debito dovrai pagare 500 Dai, ma anche 5 dollari di MKR.

I MKR che hai utilizzato per estinguere il prestito verranno distrutti. La distruzione di MKR favorisce l’aumento del prezzo di MKR nel tempo. È quello di cui ti parlavo in precedenza.

Se tu fossi un holder di MKR, non potresti che avvertire piacere nel vedere sempre più MKR distrutti. Il tuo token diventerebbe ancora più raro.

La fee dell’1% può essere variata dalla DAO Maker. Quindi, nel momento in cui leggi la presente guida, potrebbe essere diversa dall’1%.

Quello che vuoi sapere ora è: quando conviene saldare un debito? La risposta è: quando Dai vale meno di 1 dollaro.

Quando Dai vale meno di 1 dollaro, in qualità di titolare di una CDP, puoi pagare il tuo debito a un prezzo più conveniente. Facciamo un esempio.

Diciamo che hai aperto una CDP che ha un valore di 1000 dollari. Quindi hai preso in prestito 500 Dai. Per chiudere questa posizione, devi rimborsare 500 Dai.

Se Dai sta scambiando a meno di 1 dollaro, ad esempio per 0,99 dollari, allora puoi comprare Dai per meno di 1 dollaro. Puoi quindi pagare il tuo debito con uno sconto dell’1%.

Si tratta essenzialmente di denaro gratuito. Infatti, se hai preso un prestito di 500 dollari (500 Dai), poi hai acquistato 500 Dai per 495 dollari (0,99 * 500 = 495, uno sconto dell’1%), con i quali hai pagato il tuo prestito. Hai guadagnato 5 dollari di Ether gratuitamente.

Chiudere la CDP

Anche quando hai estinto in tutto o in parte il tuo debito, la CDP è ancora aperta.

Infatti, ritornando al mio esempio, potrei in ogni momento riprendere in prestito dei Dai. Guarda, in “Avail. Dai (to draw)” mi indica ancora l’importo massimo dei Dai prendibili in prestito (ultima immagine sopra).

In “Locked (PETH)” mi indica invece i PETH che avevo vincolato in garanzia (nel mio caso 1 PETH). Quindi, potrei svincolare in tutto o in parte i PETH (“Free”). Oppure potrei decidere di vincolare nuovi PETH (“Lock”) per avere un collaterale più consistente.

In altre parole, il debito precedente è estinto, ma la CDP è ancora aperta e gestibile, come meglio ritieni fare.

Ma mettiamo il caso che tu abbia raggiunto il tuo obiettivo, vuoi chiudere definitivamente la CDP e recuperare tutti gli Ether che hai utilizzato come collaterale.

Se è questo che vuoi, clicca su “Shut”, sempre sotto la voce “Actions”. Ti apparirà una finestra in cui ti viene chiesto se sei sicuro di voler chiudere la CDP. Clicca su “Yes”.

Eseguita la dovuta transazione, lo “Status” della CDP sarà “Closed”:

Ora la tua CDP è chiusa, ma vuoi ritornare in possesso degli Ether dai quali sei partito in principio per compiere tutte le operazioni che ti ho mostrato.

Liberare gli Ether

Non hai più una CDP aperta, ma possiedi ancora i PETH. Pertanto, la prima cosa da fare è riconvertire i PETH in WETH.

Vai nella parte superiore sinistra della dashboard. Nel pannello “PETH” (con banda celeste), clicca su “Convert PETH to WETH”:

Nella finestra successiva, devi sempre specificare l’ammontare dei PETH da convertire in WETH. Io ho 1,5 PETH, e li riconverto tutti in WETH.

Ora non ti resta che liberare gli Ether che, in origine, avevi “wrappato” per utilizzarli come token ERC20.

Vai nel pannello “Wrap/Unwrap”:

In “WETH Balance” mi indica 2.000 WETH. Infatti, se ricordi, in origine avevo wrappato 2 Ether, anche se poi ho convertito in PETH solo 1,5 di quei WETH. Ora, i 1,5 PETH riconvertiti in WETH, in aggiunta agli 0,5 WETH che avevo lasciato in quello stato, costituiscono il mio attuale saldo di 2.000 WETH.

In “Operation”, seleziona “Unwrap”. Inserisci la quantità di Ether che vuoi liberare in “Amount”. Clicca infine su “Invia”.

Perfetto! Sei appena rientrato in possesso dei tuoi Ether.

Ti ho mostrato tutte le procedure da compiere per creare Dai, come utilizzarli per finalità speculative e, infine, come liberare i tuoi Ether.

Davvero semplice e bello. Ma non è oro tutto quello che luccica. È il momento di vedere a quali rischi vai incontro.

Quali sono i pericoli?

Se ti chiedi quali siano i pericoli nella creazione e gestione di Dai, la risposta breve è: perdere i soldi.

Se c’è un opportunità di guadagno, esiste sempre un rischio speculare. Pasti gratis non ne conosco. Ma vediamolo più nel dettaglio.

Ti ho mostrato che il rapporto di collateralizzazione non deve mai andare al di sotto di una certa soglia (150%). Se la tua CDP entra in zona rossa di liquidazione, rischi di andare incontro a delle perdite.

Cosa succede esattamente in questo caso?

Se la tua CDP supera la soglia che ti ho indicato, qualsiasi possessore di Dai può pagare la CDP e guadagnare un profitto. Il pagamento distrugge Dai dal sistema, chiude la CDP e ti penalizza in qualità di titolare della CDP.

Questo lavoro può svolto da attori razionali chiamati “Keepers”.

In caso di liquidazione della CDP, ti verranno restituiti gli Ether che avevi vincolato in origine per creare Dai. Ma non tutti, poiché sarà esclusa la quantità di Ether utilizzata per acquistare i DAI necessari a chiudere la CDP.

Ebbene, questi DAI ora costano un prezzo più elevato in termini di Ether, facendoti incorrere in una perdita netta.

Ma non solo. Come ti accennavo, è prevista anche una “Liquidation Penalty” (attualmente del 13%). È una sanzione addebitata in percentuale sul collaterale che hai vincolato a garanzia.

Lo scopo della sanzione è quello disincentivare la tenuta di CDP non sicure. Gli utenti devono imparare a gestire diligentemente le proprie CDP.

Quindi, capirai che se vuoi agire profittevolmente nel sistema Dai, devi conoscere e saperti orientare anche nel mercato del suo collaterale.

Se vuoi essere altamente skillato, non è sufficiente che tu abbia sviluppato degli automatismi con gli strumenti di Dai. Devi avere padronanza di azione anche sul mercato del suo collaterale.

Il prezzo di Ether è molto volatile. Se apri una CDP in occasione dei punti di svolta negativi, rischi di ottenere cattivi risultati.

Ci sono dei cicli nascosti anche nel mercato delle criptovalute. Se li comprendi, potrai aumentare esponenzialmente le tue possibilità di successo nel sistema di Dai.

Ricordi ancora l’ultima volta che hai comprato a caso, e hai dovuto fare i conti – o li fai ancora – con un mercato che ti è venuto contro?

È normale, succede a tutti prima o poi. Ma se impari a fare surf sulle gigantesche onde del mercato di Ether, riduci drasticamente i rischi di annegamento. Anzi, porti dalla tua parte tutti i vantaggi della volatilità del mercato delle criptovalute.

Ether, dal gennaio 2018 a settembre 2018, ha perso quasi il 90% del suo valore. Se avessi aperto una CDP in occasione di quel punto di svolta, senza poi saperla gestire, avresti commesso un grave errore.

Puoi diventare uno specialista dei meccanismi del sistema Dai. Ma non devi commettere gli errori più frequenti cui va incontro chi investe in criptovalute.

Compila il form qui sotto! Riceverai 3 video in cui un early investor di Ether ti spiega come evitare i 3 errori più comuni commessi da chi investe in criptovalute. È gratis! Stai per imprimere una nuova marcia alla tua attività di trader.

DISCLAIMER: Le informazioni della guida che hai letto hanno esclusivamente finalità didattiche, non sono volte a promuovere alcuna forma di investimento o commercio. Non ci assumiamo responsabilità in caso di utilizzo improprio e per conseguenze non prevedibili, o non previste, al momento della scrittura della guida. Se non sei esperto, non compiere operazioni delicate senza l’ausilio di un utente avanzato.

3 VIDEO GRATUITI DALLA DM CRIPTO












SPUNTA il checkbox qui a lato PER OTTENERE i video gratuiti.

In più, ti invieremo successivamente delle email contenenti il frutto delle nostre ricerche più avanzate su ethereum e criptovalute e dettagli sui nostri servizi legati alle criptovalute. Tratteremo i tuoi dati personali con la massima cura e in conformità della normativa privacy GDPR UE2016/679. Se lo vorrai potrai disiscriverti in qualsiasi momento e con un semplice click. La tua preparazione sugli investimenti in ether e criptovalute sta per prendere il volo.

Condividi
  • 11
    Shares

Articoli che potrebbero interessarti

15 aprile 2018

Dai (DAI): la “stablecoin” decentralizzata

Contenuto dell'articolo1 Stablecoin decentralizzata2 Dai è un punto di svolta3 Funzionamento...

Leggi tutto

9 novembre 2018

[Guida] CDP PORTAL: come aprire una CDP e creare Dai (DAI)

Per chi è interessato a sapere come aprire una CDP e...

Leggi tutto

CATEGORIE:

Progetti su EthereumTrading Ethereum


Giuseppe Brogna

Giuseppe è laureato in giurisprudenza, da sempre appassionato di tecnologia e studioso di tematiche economiche. Stimolato dal potenziale impatto economico e sociale, si approccia al mondo delle DLT; matura particolari interessi nella nuova finanza hitech legata alle tecnologie del ledger distribuito.


  1. ha commentato:

    articolo tosto. incredibilmente sono arrivato alla fine, ma devo ammettere che almeno questa volta sono riuscito a capire come funziona DAI ( e che non fa per me) e che comunque è uno strumento utile specie nel mondo di ethereum.
    Grazie per la guida

    • ha commentato

      ahah grande Giovanni 🙂

  2. ha commentato:

    Molto interessante. Si aprono scenari impensabili. Ho bisogno di liquidità provvisoria e non voglio liquidare Ether per farne fronte?
    Mi apro una CDP e costa un’inezia rispetto ad un prestito bancario…

    • ha commentato:

      si questa di per se sarebbe una ottima idea. però mi piacerebbe che Roy ne parlasse al prossimo seminario live. Ho capito come fare ora con la guida ma devo bene capire come salvaguardarmi dalle oscillazioni. Non sono esperto di margin trading e questo sicuramente mi rallenta. Tuttavia sarebbe effettivamente interessante visto che tra i servizi della DM Crypto si segnalano i macrotrend e con quelli potremmo andare più sereni in questo tipo di operazioni, quindi abbinare le due cose direi che sarebbe ancora più vincente 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi questo articolo

Invia questo articolo ad un amico