Menu
Home » Codice e sviluppo » ERC1155: un nuovo standard di token

ERC1155: un nuovo standard di token

28 Giugno 2018 20:00
Tempo di lettura: 3 min.
28 Giugno 2018 20:00
Giuseppe Brogna

Uno dei creatori del codice dal quale ha avuto origine il primo token di Ethereum non fungibile, l’ERC721 ha proposto un nuovo tipo di token: l’ERC1155.

Tale standard offre la possibilità di inviare qualsiasi quantità di token non fungibile e fungibile nel medesimo contratto.

Un token game-friendly

Come alternativa agli standard ERC20 e ERC721, che richiedono un contratto separato per ogni -ERC20- token o un indice di token -ERC721-, la nuova proposta permetterebbe agli sviluppatori di giochi di dar vita a centinaia o migliaia di oggetti in un unico contratto.

Non sarà necessario creare codice ridondante per ognuno di essi.

La proposta di ERC1155 è stata pubblicata la scorsa settimana da Witek Radomski, co-fondatore e CTO di Enjin.com – una piattaforma che permette di creare siti web per le comunità di giocatori -, insieme a Andrew Cooke.

La proposta è stata definita come “un’interfaccia standard per definizioni di molteplici token nello stesso contratto“.

La nuova proposta viene collegata ai giochi sviluppati per blockchain.

Con riguardo a questi, oltre ai diversi personaggi coinvolti in un gioco, ci sono armi, costumi, gli attributi e le proprietà. Tutti questi elementi sono configurabili in base ai differenti scenari e livelli.

Mentre tutti i precedenti, caratteri e attributi, sono definiti con i token ERC721, potrebbe essere necessaria una combinazione degli stessi con i token fungibili ERC20 (quelli che non si differenziano tra loro).

Radomski ha definito lo standard, o l’insieme di specifiche ERC1155, come un Crypto Item Standard, e non come un token standard, il termine usato per gli ERC.

Pertanto, associa il primo con le definizioni e le configurazioni complete di più token in uno stesso contratto.

Lo sviluppatore sottolinea che i giochi multiplayer dispongono di un numero considerevole di elementi:

Runescape ha 35.000 oggetti e World of Warcraft, il re dei giochi MMO (Massive, Multi-player e Online) conta più di 100.000 oggetti diversi.

I giochi della categoria Shooters, come Overwatch e Team Fortress 2, hanno ciascuno migliaia di costumi e oggetti.

Una sola operazione per diversi gruppi di token

Sostanzialmente, il grosso problema con i progetti di token esistenti è che richiedono l’implementazione di contratti separati per ogni tipo di articolo o oggetto.

Per intenderci, ciò equivale ad essere costretti ad acquistare un nuovo computer per ogni applicazione che si necessita utilizzare.

La definizione di diversi token con un contratto separato pone molto carico sulla blockchain, afferma Radomski. Infatti, ogni nodo dovrebbe avere l’interfaccia e il codice di ciascuno dei token con cui potrebbe interagire.

Un explorer di blockchain, EnjinX, che sta sviluppando Enjin, ha registrato trasferimenti di 74.000 diversi token deployati su Ethereum dal 2015.

Con i progetti attuali, spiega Radomski, sono necessari quattro passaggi per uno scambio di token senza un intermediario – o atomic swap -, come mostrato nella seguente figura:

Con la nuova proposta di standard, diversi gruppi di token possono essere scambiati simultaneamente in un’unica operazione di due fasi:

Non è la prima volta che Radomski interviene nell’elaborazione di standard ERC.

Come riportato in apertura, l’anno scorso ha lavorato alla definizione di un tipo di token Ethereum. Quest’ultimo è servito come base per la successiva creazione dell’ERC721.

Con nuove proposte di token per Ethereum, la gamma e la varietà di applicazioni che possono essere eseguite sulla sua blockchain si diversifica ulteriormente.

Con riguardo alla presente proposta di standard, gli sviluppatori si aspettano feedback dalla comunità Ethereum al fine di richiedere l’approvazione dello standard.

Clicca qui per accedere alla guida gratuita su come comprare, vendere, trasferire e conservare in sicurezza gli Ether.

Condividi
  • 7
    Shares

CATEGORIE:

Codice e sviluppoSmart contract


Giuseppe Brogna

Giuseppe è laureato in giurisprudenza, da sempre appassionato di tecnologia e studioso di tematiche economiche. Stimolato dal potenziale impatto economico e sociale, si approccia al mondo delle DLT; matura particolari interessi nella nuova finanza hitech legata alle tecnologie del ledger distribuito.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi questo articolo

Invia questo articolo ad un amico