LE NEWS SU ETHEREUM IN ITALIA

Menu
Home » Wallet » [Guida] MyCrypto: wallet e interfaccia Ethereum

[Guida] MyCrypto: wallet e interfaccia Ethereum

13 settembre 2018 16:02
13 settembre 2018 16:02
Giuseppe Brogna

Benvenuto alla guida sul funzionamento di MyCryto.

MyCrypto è un’interfaccia free e open-source per interagire con la blockchainUna blockchain è un registro condiviso in cui le transazioni vengono registrate in modo permanente mediante l’aggiunta di elementi alla catena di blocchi. La blockchain funge da record storico di tutte le transazioni che si sono verificate, dal blocco di genesi all’ultimo blocco, da cui il nome blockchain (catena di blocchi). di Ethereum.

Con questa guida esploreremo tutte le funzionalità di MyCrypto.

Ti mostrerò come creare un wallet per Ether e i token Ethereum. Ti farò vedere, inoltre, come inviare una transazione e sfruttare tutti gli strumenti offerti da MyCrypto.

Devi sapere che MyCrypto è nato da una costola del più celebre wallet di Ethereum: MyEtherWallet.

Se sei interessato a conoscere la diatriba che ha condotto alla nascita di MyCrypto, ne abbiamo parlato qui.

Ora, focalizziamoci sull’analisi delle funzioni di MyCrypto.

Accesso a MyCrypto sul web

Recandoti sulla pagina web di MyCrypto, ti troverai dinanzi a questa schermata iniziale.

La finestra pop-up ti invita ad adottare una serie di precauzioni per evitare il furto dei tuoi fondi.

Devi cliccare su “Next” fino a giungere all’ultima finestra.

Prima di arrivare alla chiusura dell’ultima finestra, ti saranno rivolti degli avvertimenti sulle differenze tra un conto bancario e un wallet di criptovalute, nonché sull’auto-responsabilità richiesta nella gestione di un wallet di criptovalute.

Infine, per maggiore sicurezza, ti sarà suggerito di avvalerti di un hardware wallet.

Giunto all’ultima finestra, clicca su “Get Started”. Ti comparirà questa schermata:

Se vuoi impostare la lingua italiana, puoi farlo dal menu a tendina in alto a destra.

La traduzione non è completa, pertanto proseguirò nel mostrarti il funzionamento di MyCrypto impostando la lingua inglese.

In questa prima schermata ti vengono mostrate tutte le modalità di accesso al tuo wallet.

Per ogni opzione, in basso a destra del suo riquadro, compare uno scudo (celeste e bianco) oppure un triangolino (arancione e con un punto esclamativo all’interno).

Questi simboli indicano il grado di sicurezza delle diverse modalità di accesso.

Le opzioni con lo scudo sono sicure, mentre quelle col triangolino sono più rischiose.

La migliore soluzione è sempre quella di utilizzare un hardware wallet (come il Ledger o il TREZOR).

Utilizzando un hardware wallet le tue chiavi private non verranno esposte, qualora malauguratamente dovessi trovarti su un sito di phising o disporre di un computer infetto.

Se vuoi sapere come accedere al wallet attraverso il Ledger Nano S, leggi l’apposita guida. Sebbene questa guida mostri la procedura su MyEtherWallet, puoi eseguirla anche su MyCrypto, che mostra pressoché la stessa interfaccia.

Se vuoi collegarti attraverso l’estensione Metamask, clicca su “Web3”. Clicca, invece, su “Parity Signer” se intendi inviare una transazione attraverso l’account dell’app mobile Parity Signer.

Le restanti 3 opzioni (“Private Key”, “File Keystore” e “Mnemonic Phrase”) non sono sicure.

Infatti MyCrypto ha disabilitato l’utilizzo di queste modalità tramite web. Per utilizzarle è quindi obbligatorio scaricare l’applicazione desktop (vedi sotto).

Il mio consiglio è sempre quello di dotarsi di un dispositivo hardware wallet, il quale archivia le chiavi private in un hardware non esposto ai rischi di Internet.

Tuttavia, è probabile che tu sia alle prime armi. Quindi, nel mentre di deciderai di avvalerti di uno strumento più sicuro, ti mostrerò come creare un wallet su MyCrypto.

Creare un wallet su MyCrypto

Clicca su “Create New Wallet”. Lo trovi in alto a sinistra, sotto l’icona di MyCrypto, nella barra orizzontale.

Arriverai su questa schermata:

Clicca su “Download the MyCrypto Desktop App”.

Seleziona la versione per il tuo sistema operativo, scarica e installa l’applicazione.

Appena aprirai l’applicazione, ti compariranno gli stessi avvertimenti che ti vengono mostrati quando accedi alla pagina web di MyCrypto.

Li abbiamo esaminati all’inizio di questa guida. Procedi allo stesso modo, cliccando su “Next” più volte e infine su “Get Started”.

Giunto a questa schermata, clicca su “Create New Wallet” nella bara verticale a sinistra (come indicato dalla freccia rossa).

Ti apparirà la seguente schermata:

Clicca su “Generate a Wallet”.

Ti troverai davanti a due opzioni: “Keystore File” e “Mnemonic Phrase”.

“Keystore File” è un file JSON che permette di avere la chiave privataUna chiave privata è una stringa di dati che consente di accedere ai token in un portafoglio specifico. Fungono da password che vengono tenute nascoste da chiunque tranne il proprietario dell’indirizzo. in formato criptato. Per accedere al wallet è necessario abbinare una password al file per decriptarlo.

Lo svantaggio risiede nel fatto che il “Keystore File” può essere utilizzato soltanto in wallet che accettano questo tipo di file.

Inoltre, per essere sottoposto a backup, è necessario averlo in un dispositivo di archiviazione USB e salvarlo.

Infine, devo ricordarti che con l’opzione “Keystore File” potrai avere soltanto un account, cioè disporre di un solo indirizzoGli indirizzi di criptovaluta vengono utilizzati per inviare o ricevere transazioni sulla rete. Solitamente un indirizzo si presenta come una stringa di caratteri alfanumerici. col quale gestire gli Ether e i token.

La “Mnemonic Phrase” è una frase di recupero composta da 12 parole casuali.

Il vantaggio della “Mnemonic Phrase” risiede nella possibilità di essere salvata non solo su un dispositivo USB, ma anche su un foglio di carta.

Inoltre, la “Mnemonic Phrase” può essere utilizzata in molti altri wallet compatibili con lo stesso standard.

Infine, la “Mnemonic Phrase” ti consente di avere infiniti indirizzi per ricevere e inviare gli Ether e i token. Infatti, la “Mnemonic Phrase” costituisce il “seed” dal quale possono essere derivati infiniti account.

Considerati i suoi vantaggi, soprattutto in termini di multi-account, procediamo a creare un wallet attraverso la “Mnemonic Phrase”.

Clicca qundi su “Generate a Mnemonic Phrase”.

L’applicazione ti genererà 12 parole casuali.

Prendi un foglio di carta e annota le 12 parole nel “preciso ordine” in cui ti vengono mostrate.

Puoi anche salvare le parole su un file da crittogafare in maniera adeguata. Ma se non sai farlo, meglio scriverle su un foglio da conservare nel modo più segreto possibile.

Ricorda che chi avrà accesso a quelle 12 parole avrà accesso anche ai tuoi fondi. Conserva quindi le 12 parole in modo che solo tu (o persone di tua fiducia) possa accedervi.

Inoltre, tieni ben in mente che se smarrisci le 12 parole i tuoi fondi resteranno bloccati per sempre. Valuta quindi anche l’opportunità di dotarti di più copie da conservare in luoghi diversi.

ATTENZIONE!!! Non utilizzare mai le parole che vedi nella foto qui sopra. La foto ha solo scopo dimostrativo. Se trasferisci i tuoi fondi a un wallet al quale hai acceduto tramite le parole della foto, qualunque persona che legge questa guida potrà rubarti i fondi.

Quindi annota esclusivamente le parole che l’applicazione ha generato casualmente per te. Clicca poi su “Confirm Phrase”.

Arriverai alla schermata successiva, in cui le 12 parole precedenti ti verranno mostrate alla rinfusa.

Fai click sulle parole della frase in ordine. Cioè devi cliccare nell’ordine in cui le hai annotate sul foglietto. Quindi devi cliccare prima sulla parola numero 1, poi sulla parola numero 2 e così via.  fino alla dodicesima.

Se hai dimenticato la parola successiva, clicca su “Reveal Next Word”.

Dopo aver cliccato su tutte e 12 le parole nell’ordine corretto, clicca su “Confirm Phrase”.

La seguente schermata ti conferma che la creazione del wallet è andata a buon fine. Inoltre, ti mostra i passaggi da seguire quando vorrai di nuovo accedere al wallet appena creato.

Ora clicca su “Go to Account”.

Ti ritroverai qui:

In questa finestra devi selezionare la modalità di accesso. Poiché hai appena creato un wallet con la frase mnemomica, clicca su “Mnemonic Phrase”, come indicato dalla freccia rossa.

Ti apparirà la schermata per inserire la “Mnemonic Phrase” creata in precedenza.

Nel campo vuoto, inserisci la tua “Mnemonic Phrase”. Devi inserire le parole nell’ordine in cui le hai scritte sul foglio o sul file.

Opzionalmente, puoi anche settare una password inserendola nel campo “Password (optional)”.

Clicca poi su “Choose address”.

La finestra successiva ti mostrerà l’elenco degli indirizzi derivati dalla tua “Mnemonic Phrase”.

Tutti gli indirizzi sono gestibili attraverso la stessa “Mnemonic Phrase”, tuttavia ogni indirizzo costituisce un account a sé stante.

Quindi, gli Ether e i token che trasferisci a un determinato indirizzo possono essere gestiti solo accedendo a quello specifico indirizzo.

Ad esempio, ora stiamo accedendo all’indirizzo “0x297C333F6538864e289e110508EA12E891eD91e9”. Quindi gli Ether e i token inviati a questo indirizzo, non potranno essere gestiti in caso di accesso a uno degli altri account che vedi nella lista.

Seleziona quindi un indirizzo e clicca su “Unlock”. Io ho selezionato il primo della lista.

Ti ritroverai finalmente nel tuo wallet.

Ti apparirà la seguente schermata, che è sia informativa sia utilizzabile per inviare una transazione (vedi sotto).

Orientarsi nel wallet

Prima di procedere alla descrizione delle varie funzioni, voglio mostrarti come devi orientarti quando accedi al tuo wallet.

La barra verticale sulla sinistra ti mostra le varie sezioni del wallet, ad esempio “View & Send”, “Swap”, “Contracts” ecc. (vedi sotto cosa sono).

 

Nota bene: Ogni qualvolta ti sposti da una sezione all’altra di MyCrypto (ad esempio da “View & Send” a “Sign and Verify Message”), per motivi di sicurezza, si esegue in automatico il logout dal tuo account. Dovrai, pertanto, inserire di nuovo la “Mnemonic Phrase” al cambio di sezione (solo per le sezioni per la quale è richiesta). A questo scopo, torna utile avere una “Mnemonic Phrase” copiata su un file criptato, in modo da poterla copiare-incollare ogni volta che serve, senza riscriverla parola per parola.

All’interno di una sezione, invece, puoi trovare delle sotto-sezioni. Sono elencate nella riga orizzontale posta nella parte centrale e superiore della schermata della sezione.

Ecco ad esempio le sotto-sezioni della sezione “View & Send”.

Tieni ben in mente il posizionamento di sezioni e sotto-sezioni.

Nel prosieguo della guida ti dirò di spostarti tra le varie sezioni e sotto-sezioni per esplorare le funzionalità di MyCrypto.

Poiché dopo aver creato il wallet ed aver eseguito il primo accesso – secondo la procedura che ti ho descritto – ti troverai nella sezione “View & Send”, ti descrivo brevemente le informazioni che visualizzerai.

Il riquadro centrale è utilizzabile per inviare le transazioni (vedi sotto come fare).

Nella riga posta al di sopra del riquadro per l’invio delle transazioni, c’è l’elenco delle sottosezioni. Puoi accedere a “Request Payment”, “Wallet Info” ecc. (vedi sotto).

Sulla destra invece visualizzi:

“Account Address”: È l’indirizzo pubblico associato al tuo account: quello che puoi condividere con gli altri per farti inviare dei fondi.

“Account Balance”: Indica il saldo del tuo account. In questo caso è 0 perché si tratta di un wallet appena creato.

“Transaction History”: Questa sezione contiene tre link che ti rimandano a 3 diversi blockI blocchi sono pacchetti di dati che trasportano dati registrati permanentemente sulla rete blockchain. explorer: Etherscan, Etherchain e Ethplorer. I block explorer scansionano la blockchain per mostrarti tutti i dettagli legati al tuo account, come ad esempio il saldo, le transazioni fatte, l’indirizzo di destinazione ecc.

“Token Balances”: Ti mostra l’ammontare di token (quelli diversi da Ether) che possiedi sul tuo account (vedi sotto).

Inviare una transazione

Per inviare una transazione devi innanzitutto inserire l’indirizzo del destinatario nel campo “To Address”.

Inserisci l’importo che desideri inviare in “Amount”. Nella parte destra di “Amount”, dal menu a tendina, in “Select”, seleziona se vuoi inviare ETHSigla di riferimento della criptovaluta Ether. o un altro token che hai su quell’indirizzo.

In “Transaction Fee” devi impostare il “Gas Price” che vuoi pagare per il gas consumato dalla tua transazione. Per capire meglio di cosa si tratta e a quanto impostarlo, leggi qui.

Se clicchi su “Advanced” ti vengono mostrate delle opzioni avanzate.

Come vedi, il segno di spunta è su “Automatic Calculate Gas Limit”. Vuol dire che il “Gas Limit” verrà calcolato in automatico.

Se vuoi impostare manualmente il “Gas Limit”, rimuovi il segno di spunta e riempi l’apposito campo. Se vuoi saperne di più sul “Gas Limit”, leggi qui.

“Nonce” indica il numero della transazione inviata dall’indirizzo. Ogni transazione di un account è numerata in sequenza, a partire da 0 per la prima transazione. Lascia il valore già impostato dal wallet, a meno che tu non abbia bisogno di cancellare o sostituire una transazione Ethereum in pending.

Se non sei esperto e non sai cosa fare, ti consiglio di lasciare tutti i parametri dell’opzione “Advanced” così come impostati di default.

Una volta riempiti tutti i campi, clicca su “Send Transaction”.

Ti apparirà un’ulteriore finestra con il riepilogo dei dati della transazione. Per confermare definitivamente, clicca su “Send”.

Visualizzare i token

In basso a destra della sezione “View & Send”, trovi “Token Balances”.

Qui puoi visualizzare l’ammontare dei token (quelli diversi da Ether) che possiedi sul tuo account.

Del saldo dei token, ti viene dato anche l’equivalente in valuta fiat (Euro, Dollaro ecc.), nonché in bitcoin e Ether.

Cliccando su “Scan for Tokens” ti verranno mostrati in automatico tutti i token già riconosciuti da MyCrypto. Seleziona quelli che vuoi aggiungere al tuo account e clicca su “Save”.

Se hai ricevuto al tuo indirizzo un token ancora non riconosciuto in automatico, devi aggiungerlo manualmente facendo click su “Add Custom Token”.

Ora vai nella sezione “Tokens” di Etherscan e cerca il tipo di token che vuoi aggiungere.

Dovrai inserire manualmente i parametri che hai trovato in riferimento al tipo di token che vuoi aggiungere.

Questi parametri sono: “Token Contract Address”, “Token Symbol” e “Decimals”.

Clicca infine su “Save” e vedrai il tuo token apparire.

Richiedere un pagamento

Puoi generare un QR code per richiedere il pagamento al tuo indirizzo di un determinato importo.

Vai nella sotto-sezione “Request Payment”. Si trova nella sezione “View & Send”.

Ti comparirà la seguente schermata.

“To Address” è il tuo indirizzo. Il campo è già compilato di default.

In “Amount” inserisci l’importo del pagamento che intendi ricevere.

Una volta compilati i campi, si genererà in automatico un QR code. Quest’ultimo potrà essere scansionato da chi deve inviarti il pagamento, di modo che i campi del suo wallet per l’invio della transazione si compileranno in automatico.

Creare un paper wallet

“Wallet Info” è una sottosezione della macro-sezione “View & Send”, in cui puoi avere una serie di informazioni sul tuo account e creare un paper wallet.

“Your Address” è il tuo indirizzo pubblico.

“Private Key (unencrypted)” è la chiave privata associata a quell’indirizzo pubblico. Per ovvie ragioni è nascosta, ma se clicchi sull’icona dell’occhio la rendi visibile.

Immediatamente sotto, visualizzi lo stesso indirizzo pubblico e la stessa chiave privata in formato QR code.

Se clicchi su “Save Paper Wallet” hai la possibilità di salvare e stampare un paper wallet.

ATTENZIONE!!! Come vedi, il paper wallet visualizza in chiaro anche la tua chiave privata. Se decidi di stampare un paper wallet, assicurati di non mostrare mai a nessuno la parte in cui riporta la chiave privata. 

Cliccando su “Generate a Keystore File”, generi un file JSON di criptazione di quella chiave privata. Te ne ho parlato nella parte della guida sulla creazione del wallet.

Potresti trovarlo utile per gestire quel singolo indirizzo attraverso il file JSON, accedendoci quindi senza dover immettere la “Mnemonic Phrase” dal quale è stato derivato.

Scambiare criptovalute (“Swap”)

La sezione “Swap” può essere utilizzata al fine di scambiare Ether per bitcoin o altri token (o viceversa).

Lo scambio può essere effettuato grazie all’integrazione di ShapeShift in MyCrypto.

ShapeShift è un servizio accessibile anche al di fuori di MyCrypto, che consente di effettuare scambi tra sole criptovalute in modo veloce.

Funziona in questo modo:

  1. Ad esempio, come nella foto sopra, decidi di scambiare 0,5 bitcoin (che tu possiedi) per Ether, in base all’attuale controvalore. Al momento della scrittura della guida, con 0,5 bitcoin riesci a ottenere tramite Shapeshift 17,266249565 Ether.
  2. Il servizio ti mostra un indirizzo al quale devi inviare i tuoi bitcoin. Tu invece devi indicare il tuo indirizzo Ethereum sul quale intendi ricevere gli Ether.
  3. Tu trasferisci i tuoi bitcoin all’indirizzo mostrato e, in cambio, in modo estremamente veloce, riceverai all’indirizzo da te indicato gli Ether che ti spettano.

Contratti

Accedendo alla sezione “Contracts” potrai interagire con gli smart contract di Ethereum.

Nella sezione “Contracts” trovi due sottosezioni.

La prima è “Interact”. Qui puoi interagire con uno smart contract già esistente, dopo averlo selezionato.

Se sei un developer, nella sottosezione “Deploy” puoi deployare un tuo contratto.

Comprare domini .ETH

Attraverso la sezione “ENS” puoi immergerti nel mondo di Ethereum Name Service (ENS).

ENS è un naming system basato su Ethereum.

L’acquisto di un dominio .ETH funziona soltanto attraverso la piattaforma web. Dall’applicazione, però, puoi verificare la disponibilità di un dominio.

Per una spiegazione approfondita di ENS, e di come comprare un dominio .ETH, leggi la serie di articoli dedicata.

Firmare e verificare un messaggio

Nella sezione “Sign & Verify Message” puoi firmare un messaggio per dimostrare di essere il proprietario di quell’indirizzo.

Facciamo un esempio.

Per dimostrarti di avere il controllo dell’account (0x297C333F6538864e289e110508EA12E891eD91e9) che ho utilizzato per scrivere questa guida, firmerò il messaggio: “Sono Giuseppe di Etherevolution. Ho scritto la guida su come utilizzare MyCrypto”.

Devi scrivere il messaggio che intendi firmare nel campo “Message”.

Successivamente clicca su “Sign Message”.

Ecco il risultato:

{

“address”: “0x297c333f6538864e289e110508ea12e891ed91e9”,

“msg”: “Sono Giuseppe di Etherevolution. Ho scritto la guida su come utilizzare MyCrypto.”,

“sig”: “0xe8042a61f8a7963197fad5470de1c3d69d117683066565803207a6497109e44e5d12aeb15a2f86568a0fc1936cbb690fed6fb7432c93867305d40f7a030e3f661b”,

“version”: “2”

}

Come puoi notare, viene mostrato l’indirizzo dal quale hai firmato il messaggio (“address”), il messaggio (“msg”) e la firma (“sig”).

Ora verifichiamo il messaggio.

Devi recarti nella sotto-sezione “Verify Message”.

Nel campo “Signature”, incolla l’output della firma che ho riportato qui sopra.

Clicca poi su “Verify Message”.

Come puoi notare, nella barra orizzontale in verde ti viene data la conferma che quel messaggio è stato firmato dall’account “0x297C333F6538864e289e110508EA12E891eD91e9”.

Questo vuol dire che ti ho fornito la prova che controllo la chiave privata legata a quell’indirizzo.

Funzioni aggiuntive

Se hai già inviato una transazione e vuoi soltanto controllarne lo stato, recati nella sezione “Transaction Status”.

Incolla nel campo vuoto l’hash della transazione che vuoi verificare.

Clicca poi su “Check Tx Status”.

Nell’esempio ho utilizzato l’hash di una transazione presa a caso su Etherscan.

Come puoi notare, la transazione è andata a buon fine (“Successful”). Vengono inoltre mostrati tutti gli altri dati legati a quella specifica transazione, come l’importo inviato, il gas utilizzato ecc.

Per propagare una transazione che è stata già firmata offline, vai nella sezione “Broadcast Transaction”.

Nel campo “Signed Transaction” incolla la transazione già firmata e clicca su “Send Transaction”.

La transazione che avevi firmato offline è stata appena propagata ai peers ed è in attesa di essere inserita nel primo blocco utile.

Conclusioni

MyCrypto, più che un wallet, è un’interfaccia. Ciò in quanto MyCrypto non memorizza, né gestisce per conto dell’utente, le chiavi private.

MyCrypto consente di interfacciarsi sulla blockchain di Ethereum attraverso le chiavi private, la frase mnemonica, MetaMask, gli hardware wallet e tante altre opzioni.

Inoltre, dà la possibilità di compiere molte altre attività al di fuori dell’invio di una transazione.

Per molti aspetti MyCrypto è una piattaforma abbastanza completa, tenendo conto che deriva da una biforcazione di MyEtherWallet.

Uno degli aspetti interessanti è la quantità di aggiornamenti che riceve la piattaforma, con la sicurezza che è sempre la premessa principale.

Se hai dubbi, o suggerimenti su come migliorare la guida, oppure per altre guide, non esitare a scriverci.

***

Non perderti i nostri aggiornamenti e approfondimenti su Ethereum e il mondo criptovalute. Compila il form qui sotto! Riceverai i video sulla compravendita e messa in sicurezza degli Ether, e tutte le nostre nuove guide e ricerche sul tema blockchain. È gratis!

ACCEDI ORA AI VIDEO GRATUITI














SPUNTA il checkbox qui a lato PER OTTENERE la GUIDA GRATUITA.
In più, ti invieremo successivamente delle email contenenti il frutto delle nostre ricerche più avanzate su ethereum e criptovalute e dettagli sui nostri servizi legati alle criptovalute. Tratteremo i tuoi dati personali con la massima cura e in conformità della normativa privacy GDPR UE2016/679. Se lo vorrai potrai disiscriverti in qualsiasi momento e con un semplice click. La tua preparazione sugli investimenti in ether e criptovalute sta per prendere il volo.

Condividi
  • 1
    Share

CATEGORIE:

Wallet


Giuseppe Brogna

Giuseppe è laureato in giurisprudenza, ma da sempre appassionato di tecnologia e studioso di tematiche economiche. Stimolato dal potenziale impatto economico e sociale, si approccia al mondo delle DLT; matura particolari interessi nella nuova finanza hitech legata alle tecnologie del ledger distribuito.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi questo articolo

Invia questo articolo ad un amico