LE NEWS SU ETHEREUM IN ITALIA

Menu
Home » Progetti su Ethereum » Maker (MKR): alla scoperta del token “raro” di Maker DAO

Maker (MKR): alla scoperta del token “raro” di Maker DAO

16 ottobre 2018 20:00
Tempo di lettura: 9 min.
16 ottobre 2018 20:00
Giuseppe Brogna

Se Andreessen Horowitz, uno dei maggiori venture capital al mondo, ha investito 15 milioni di dollari in Maker (MKR), allora mi fermo, prendo qualche minuto, e decido di capire cosa è questo token ancora semi-ignoto.

Il suo futuro è potenzialmente radioso.

Andreessen Horowitz, attraverso il nuovo fondo chiamato “a16z crypto”, ha rilevato il 6% del totale dei Maker (MKR) circolanti. Qui l’annuncio ufficiale.

Diciamoci la verità. Nell’ultimo anno e mezzo sono sbucati centinaia (forse migliaia) di token che si proponevano di avere una qualche funzione.

Per sfuggire alle grinfie della SEC, non potevano assumere la natura di security. Una ragione d’esistenza poteva dipendere solo dall’essere sbandierati come utility token.

Ma un’utilità, se non è nemmeno astrattamente possibile, non può essere escogitata.

Si è trattato a tutti gli effetti di “inutility” token, spesso creati per prodotti o servizi che non necessitano di un nuovo gettone, se non addirittura della complessa struttura della blockchain.

Insomma, scorgere un token sul quale puntare per il lungo termine è diventata un’epopea. Con la maggior parte dei token ceduti attraverso ICO, è stato possibile guadagnare solo attraverso strategie speculative di brevissimo termine.

Maker (MKR), al contrario, ha tutte le carte in regola per essere un token da tenere nel portafoglio per il lungo termine.

Quante volte hai preso token per prodotti o servizi che non sono mai andati in porto? Nel caso di Maker (MKR), il “servizio” non solo c’è, ma è già funzionante e in continua espansione.

Se Andreessen Horowitz ne ha fatto incetta, non sarà di certo per spirito di liberalità. Avrà il suo tornaconto.

Maker (MKR): utility token…

Maker (MKR) è l’utility token della piattaforma di smart contracts che sorregge Dai (DAI), la stablecoin decentralizzata.

Mentre il prezzo di Dai è relativamente stabile al valore di 1 dollaro, quello di Maker (MKR) si presta alla proverbiale volatilità del mercato, per via della meccanica di supply unica e del suo ruolo nella piattaforma Maker DAO.

Con Dai è possibile guadagnare sfruttando le sue piccole oscillazioni al di sopra e al di sotto del dollaro. Oppure attraverso il margin trading decentralizzato.

Tali meccanismi sono ampiamente spiegati nella guida che ho scritto sul funzionamento di Dai.

Dal lato dell’utente normale, Dai è utile per i pagamenti, i risparmi e le attività di finanziamento.

Maker (MKR) invece è un utility token, precisamente un token di governance e una risorsa di ricapitalizzazione del sistema Maker DAO.

Maker (MKR) si presta al più classico “buy and hold”. Considera che la supply totale di Maker (MKR) è di soli 1.000.000 di token. L’aspetto intrigante risiede nella continua riduzione dell’offerta di token nel tempo.

Al momento della scrittura, ci sono meno di 730.000 Maker (MKR) in circolazione. Ma il token sarà sempre più scarso. Ti sei chiesto per quale ragione?

Come utility token, Maker (MKR) è richiesto per pagare le commissioni maturate sulle posizioni debitorie collateralizzate (CDP). Le CDP sono aperte per generare Dai nel sistema Maker DAO.

Per ulteriori chiarimenti sul funzionamento dei meccanismi di Dai, ti rimando sempre alla guida dedicata.

Le fee maturate possono essere pagate esclusivamente attraverso Maker (MKR). I Maker (MKR) utilizzati per pagare le fee vengono bruciati, riducendone l’offerta.

Ciò significa che se l’adozione e la domanda di Dai e CDP aumenteranno, come di fatto sta avvenendo, ci sarà una domanda aggiuntiva per Maker (MKR), in modo che gli utenti possano pagare le fee.

Per percepire il tasso di crescita nell’adozione del sistema, pensa che a gennaio 2018 c’erano 3.5 milioni di Dai in circolazione. Ora, a ottobre 2018, ce ne sono ben oltre 62 milioni.

Capisci, quindi, che all’aumentare dell’adozione del sistema Dai, si riduce l’offerta del token Maker (MKR), che dovrà essere bruciato per liberare le CDP. Sarà sempre più scarso e prezioso.

E se Maker (MKR) si esaurirà?

Maker (MKR) è divisibile fino a 18 cifre decimali. Pertanto, purché esisterà un singolo token Maker (MKR), potranno essere scambiati fino a 1 quadrilione di dollari.

Peraltro, all’aumentare del suo prezzo, si riduce la quantità di Maker (MKR) da bruciare per pagare le fee.

Le fee sono computate, in percentuale, sul valore in dollari dei Dai presi in prestito. Quindi, se Maker (MKR) si apprezza contro il dollaro, per raggiungere quel valore in dollari, sarà sufficiente una quantità inferiore di token.

Infine, il numero di decimali potrebbe essere aumentato in seguito, qualora necessario, abbattendo in definitiva il problema dell’esaurimento.

Il punto di forza è che Maker (MKR) è legato a un “game changer”, uno dei più grandi progetti su Ethereum. Non si tratta del tipico progettino settoriale, che si propone di creare un token per uno specifico utilizzo.

Maker DAO è un “first mover” nel campo delle stablecoins, Ha portato une ventata di innovazione nell’ambito delle criptovalute.

La tecnologia, l’ecosistema e il talento hanno dato vita a una stablecoin decentralizzata che può diventare una colonna portante nel futuro della criptoeconomia.

…token di governance

Maker (MKR) è anche un token di governance. Maker DAO è a tutti gli effetti una Organizzazione Autonoma Decentralizzata (DAO).

Il token è utilizzato dai suoi detentori per votare su aspetti di governance del sistema, come la gestione del rischio e la logica di business.

Il successo di Maker (MKR) in termini di prezzo dipende anche dalla qualità della gestione.

La gestione del rischio è cruciale per l’affermazione e la sopravvivenza del sistema. Viene attuata votando parametri di rischio specifici per ciascun collaterale e tipo di CDP.

I parametri di rischio devono essere impostati rigorosamente, in modo da corrispondere al profilo di rischio degli asset utilizzati come collaterale nelle CDP.

Se i detentori di Maker (MKR) governano diligentemente il sistema, le CDP resteranno sempre sovra-collateralizzate. Il sistema non correrà rischi di insolvenza.

Tuttavia, errori o circostanze impreviste possono sempre avere luogo. Pensa, ad esempio, al caso in cui il prezzo di Ether scenda in maniera così repentina da rendere il valore del collaterale inferiore al valore dei Dai presi in prestito.

Per capire questi concetti, leggi la guida sul funzionamento di Dai.

Quando una CDP è sotto-collateralizzata, viene attivata l’ultima funzione del token Maker (MKR): la ricapitalizzazione automatica attraverso la diluizione forzata di Maker (MKR).

Significa che il sistema crea automaticamente nuovi token Maker (MKR) e li vende sul mercato, raccogliendo immediatamente denaro per ricapitalizzare il deficit di valore nel sistema.

Il ricorso all’emissione di nuovi Maker (MKR) ridurrebbe l’effetto scarsità dei token. I suoi detentori vedrebbero tagliato il valore dell’investimento.

Tuttavia, è uno scenario che difficilmente si presenterà: essendo i detentori di Maker (MKR) direttamente responsabili delle loro azioni, una cattiva attività di governance comporterà la riduzione del prezzo dei loro token.

I detentori di Maker (MKR) saranno quindi incentivati ad esercitare sempre con diligenza l’attività gestoria, votando per rapporti di collateralizzazione sicuri.

Il ruolo di “a16z crypto”

Il fondo con sede in California, “a16z crypto”, grazie al cospicuo investimento effettuato nel token Maker (MKR), potrà partecipare all’attività di governance di Maker DAO, oltre che accedere al sistema di credito di Dai.

L’iniziativa è in procinto di soddisfare il desiderio del team di Maker DAO di spingere le operazioni di punta attraverso il noto venture capital. Di conseguenza, “16z crypto” fornirà supporto sul piano tecnico e dello sviluppo.

Maker DAO riceverà capitale operativo per il prossimo stage di crescita, tre anni di supporto finanziario per la community, e sostegno operativo da parte delle oltre 80 persone del team del fondo.

Con il 6% del controllo che Andreessen Horowitz ha acquisito sul sistema, sarà in grado di ottenere consistenti ritorni, oltre che utilizzare il sistema Maker DAO per ottenere maggiore denaro, attraverso Dai.

Abbiamo visto che i prenditori di Dai restituiscono l’importo preso in prestito pagando una fee in Maker (MKR). Questa azione brucia i Maker (MKR), riducendone l’offerta e spingendone il prezzo al rialzo.

Il principale vantaggio che Andreessen Horowitz otterrà, sarà quello di essere parte attiva del sistema Maker DAO, beneficiando dell’apprezzamento del token Maker (MKR) derivante dal meccanismo di burning.

Prossimamente su Coinbase?

Lo scorso marzo, Coinbase aveva annunciato di voler aprire al supporto per i token ERC20.

Il primo token ERC20 che è riuscito a ottenere la benedizione da parte del popolare exchange, è stato 0x (ZRX). Maker (MKR) potrebbe essere il candidato ideale per un prossimo listing.

Coinbase seleziona le nuove criptovalute da quotare in base a parametri divulgati nel novembre 2017. In un documento, chiamato “Digital Asset Framework”, Coinbase definisce pubblicamente le linee guida che vengono seguite.

Il Digital Asset Framework si compone di 6 sezioni:

  • missione e valori;
  • tecnologia;
  • legal e compliance;
  • supply di mercato;
  • domanda di mercato;
  • criptoeconomia.

Una criptovaluta che soddisfa i criteri esplicati nelle 6 sezioni, è passibile di quotazione.

Coinbase valuta innanzitutto quale problema può risolvere il token, e in cosa si differenzia da altri progetti blockchain. Maker presenta un approccio innovativo al settore delle stablecoins.

L’idea di essere una criptovaluta stabile non è una novità. Ma nel sistema Maker il legame al dollaro USA non è sostenuto mediante corrispondenti riserve di valuta a corso legale.

A differenza di Tether o True USD, la stabilità di DAI è ottenuta attraverso un sistema autonomo di smart contract.

Maker si basa su un prodotto funzionante? La risposta non può che essere affermativa.

Dai è approdato in mainnet il 18 dicembre 2017. Dopo quasi un anno sulla rete principale di Ethereum, in un 2018 fortemente ribassista per Ether, Dai ha dimostrato di tenere botta di fronte alle intemperie del mercato.

Maker sviluppa un’applicazione concreta nel mondo reale. Il sistema Maker consente di vincolare gli Ether e generare DAI come prestito. Già funziona, ed è destinato a raggiungere larga diffusione.

Un altro punto a favore del token Maker (MKR), è la non riconducibilità alla categoria dei token di investimento.

Maker (MKR) è la valuta di servizio della piattaforma Maker. È, fondamentalmente, un utility token per il pagamento delle fee e per votare sugli aspetti di governance.

Non può essere considerato come un prodotto finanziario secondo le leggi statunitensi.

DAI, dal proprio canto, è una moneta stabile che “mima” il valore del dollaro. Potrebbe incontrare resistenze nel percorso di listing su Coinbase. Ma non è il caso di Maker (MKR).

A fine agosto, Coinbase aveva mostrato sul suo Toshi Wallet (ora Coinbase Wallet) alcuni token ERC20, tra cui Maker (MKR) e 0x (ZRX).

Per via delle novità introdotte sul wallet re-brandizzato, si erano immediatamente elevate speculazioni circa la possibilità che Coinbase stesse testando i token per listarli anche sull’exchange.

Circa un mese e mezzo più tardi, 0x (ZRX) è stato quotato sulla piattaforma di scambio Pro. Il prossimo sarà Maker (MKR)?

Generalmente Coinbase predilige criptovalute con valore reale e un prodotto funzionante, con prospettive di ulteriore crescita. Ha un occhio di riguardo per prodotti il cui prezzo può aumentare per via della sua stessa crescita.

Maker (MKR) è una criptovaluta con un prodotto funzionante, che ha dimostrato un deciso progresso nel breve periodo della sua esistenza. Non mi sorprenderebbe vederla quotata sul più popolare degli exchange.

DISCLAIMER: Le informazioni di questo articolo non costituiscono alcun suggerimento, diretto o indiretto, all’investimento nel token descritto. L’articolo ha il solo fine di stimolare la discussione sulle potenzialità dei progetti in ambito criptovalute e blockchain.

***

QUESTO È IMPORTANTE! Investi in criptovalute? Sei deluso perché registri perdite? Ritieni di aver sbagliato nel restare “inerte” dinanzi ai continui ribassi del mercato? Ti piacerebbe riuscire a generare di nuovo RENDIMENTI a 3 cifre percentuali?

COMPILA IL FORM qui sotto! Stai per ricevere 3 video “gratuiti” in cui un early investor ti spiega come evitare i 3 ERRORI più comuni commessi da chi compra criptovalute. GUARDALI! Imprimi una nuova marcia ai tuoi investimenti..

3 VIDEO GRATUITI DALLA DM CRIPTO












SPUNTA il checkbox qui a lato PER OTTENERE i video gratuiti.

In più, ti invieremo successivamente delle email contenenti il frutto delle nostre ricerche più avanzate su ethereum e criptovalute e dettagli sui nostri servizi legati alle criptovalute. Tratteremo i tuoi dati personali con la massima cura e in conformità della normativa privacy GDPR UE2016/679. Se lo vorrai potrai disiscriverti in qualsiasi momento e con un semplice click. La tua preparazione sugli investimenti in ether e criptovalute sta per prendere il volo.

Condividi
  • 21
    Shares

Articoli che potrebbero interessarti

2 ottobre 2018

[Guida] Creare Dai (DAI): 3 modi per guadagnare con la stablecoin decentralizzata

La guida completa per creare (DAI): 3 modi per guadagnare con...

Leggi tutto

CATEGORIE:

Progetti su Ethereum


Giuseppe Brogna

Giuseppe è laureato in giurisprudenza, da sempre appassionato di tecnologia e studioso di tematiche economiche. Stimolato dal potenziale impatto economico e sociale, si approccia al mondo delle DLT; matura particolari interessi nella nuova finanza hitech legata alle tecnologie del ledger distribuito.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi questo articolo

Invia questo articolo ad un amico