LE NEWS SU ETHEREUM IN ITALIA

Menu
Home » Codice e sviluppo » Rivelate le specifiche di Hybrid Casper: inflazione di Ethereum verso la riduzione dell’80%

Rivelate le specifiche di Hybrid Casper: inflazione di Ethereum verso la riduzione dell’80%

22 aprile 2018 22:11
Tempo di lettura: 4 min.
22 aprile 2018 22:11
Giuseppe Brogna

Ethereum diventerà molto più raro entro la fine dell’estate/autunno, in quanto le specifiche appena pubblicate per il tanto atteso upgrade di Hybrid Casper, danno luce agli ultimi ritocchi.

Dopo mesi di test, sono stati definiti i numeri concreti, consentendo ai due principali client Ethereum, Parity e Geth, di iniziare a implementare Casper, il Friendly Finality Gadget (FFG), meglio noto come ibrido Proof of Stake (PoS) e Proof of Work (Pow).

Una volta implementato – il che dovrebbe avvenire entro pochi mesi – il reward per i miners Proof of Work sarà ridotto a 0.6 ether, dagli attuali 3 ether, perché la specifica dice:

La sicurezza della catena è notevolmente spostata dalla difficoltà della PoW alla finalità della PoS, perché i reward vengono ora rilasciati sia ai validatori che ai miners“.

Oltre allo 0.6 per i miners, verrà pagato agli stakers un importo dinamico che dipende da quanto viene messo in gioco:

Come si può notare, i reward non si dimezzano se il numero degli stakers raddoppia, con un margine di manovra concesso. Vitalik Buterin, l’inventore di Ethereum, stima un dieci milioni iniziale, avendo affermato in precedenza:

Attualmente un valore atteso è di 10 milioni di ether in staking al 5% di interesse, che è di 500.000 ether all’anno (~ 0,22 ether per blocco).

Si tratta di uno 0,82 ether complessivi per blocco, sia per gli stakers PoS che per i miners PoW. Significativamente inferiore agli attuali 3 ether, riportando l’inflazione di Ethereum a un complessivo 2% annuo.

Si avrà una nuova supply annuale di circa 2 milioni di ether. Ma, poiché la supply globale aumenta mentre la nuova supply rimane statica, il tasso di inflazione dovrebbe gradualmente diminuire.

Tuttavia, il progetto attuale comprende solo due anni, con uno smart contract che contiene circa 1 milione di ether per il rewad degli stakers. Ciò in quanto l’obiettivo è di arrivare al full PoS. Una limitazione, quindi, è stata implementata come una sorta di difficulty bomb PoS per incentivare la transizione al full Casper.

Ciò renderà Ethereum a breve termine molto meno inflazionistico di Bitcoin, che attualmente riporta un’inflazione annua pari a circa il 4%, con approssimativamente 650.000 bitcoin prodotti in un anno su una supply totale di circa 17 milioni.

Il Bitcoin avrà un halving nel 2020, con il suo tasso di inflazione che scenderà al 2%, ma Ethereum, a quanto pare, partirà in vantaggio dato che ridurrà significativamente il tasso di inflazione in pochi mesi.

Con il piano in seguito di sbarazzarsi di tutti i miners PoW, e di avere solo 0,22 ether di reward a blocco per gli stakers, che si traduce in un tasso di inflazione iniziale dello 0,5% all’anno, che effettivamente tenderà allo zero.

Saranno necessari circa 1.500 ether per nodo di staking, con circa 900 stakers attesi. Il loro ruolo è quello di creare un nuovo blocco di genesi, chiamato checkpoint. Ogni 50 blocchi, uno di questi checkpoint viene creato dagli stakers. Ciò garantisce che non si possa riscrivere prima di quel checkpoint, chiamato finalità.

Nel mining PoW, se si dispone più del 50% di hash power, si “potrebbe” risalire fino al blocco di genesi. Ovviamente altri fattori rendono tutto ciò praticamente impossibile, se non come esercizio teorico.

Nel Casper ibrido, tuttavia, i miners – o chiunque altro – non saranno in grado di risalire oltre il checkpoint finalizzato, rendendo così il sistema un pò più sicuro/certo.

Probabilmente ci saranno pool di staking, con la nascita di un’intera industria. Quindi non sarà necessario disporre del valore di quasi un milione di dollari in ether per partecipare, con il rendimento presumibilmente pari al 5% indipendentemente dallo staking in una pool o in altro modo.

Tale rendimento dovrebbe essere scontato del 2% di tasso di inflazione iniziale, rendendolo un ritorno reale del 3% di ether. Inoltre, ovviamente, c’è il potenziale aumento di valore del prezzo di ether nei confronti delle fiat.

Quindi, più che essere simile a un rendimento sull’investimento in azioni, che è in media intorno al 10%, si avvicina a un ritorno sull’investimento che le azioni attribuiscono in dividendi.

In ogni caso, si tratta di un ambiente completamente pionieristico. Quindi, mentre si potrebbe essere tentati di assimilarlo ai bond, Hybrid Casper sarà qualcosa di completamente nuovo.

Ciò significa che ci si dovrebbe aspettare anche che qualcosa possa andare storto, incrociando le dita e sperando che ciò non accada, dato che non è mai stato fatto qualcosa del genere per una piattaforma come Ethereum.

Rendendolo più rischioso delle obbligazioni, più rischioso rispetto ai conti deposito, ma riteniamo che sia competitivo con i dividendi azionari in combinazione con i rendimenti delle azioni, nonostante il carattere assolutamente innovativo che potrebbe dar luogo a incidenti di percorso.

Tali intralci, tuttavia, sono solo un’eventualità. Casper è in fase di test da mesi, cui seguiranno ulteriori 3-4 di test. Inoltre, sono stati condotti audit al fine di impedire incidenti di percorso. Tuttavia, se si avrà qualche grana nei primi giorni, non ci sarà da meravigliarsi.

Perché ci troviamo dinanzi a nuove frontiere. L’esplorazione dell’ignoto da parte di questa generazione. Proprio come i nostri antenati hanno scoperto i mari, e i nostri discendenti scopriranno le acque dello spazio, un’America potrebbe essere lì, proprio come potrebbe verificarsi lo “slashing” dei tuoi ether posti in staking.

Di Trustnodes.

Clicca qui per accedere alla guida gratuita su come comprare, vendere, trasferire e conservare in sicurezza gli Ether.

Condividi
  • 53
    Shares

CATEGORIE:

Codice e sviluppo


Giuseppe Brogna

Giuseppe è laureato in giurisprudenza, da sempre appassionato di tecnologia e studioso di tematiche economiche. Stimolato dal potenziale impatto economico e sociale, si approccia al mondo delle DLT; matura particolari interessi nella nuova finanza hitech legata alle tecnologie del ledger distribuito.


  1. ha commentato:

    Rimanendo in linguaggio metaforico, Slash and burn è una tradizionale tecnica di agricoltura, sostenibile dove vive poca gente è insostenibile altrove.. dunque lo slashing di eth posti in staking dipenderà da una sua ‘sostenibilità” dellla procedura, o metodo nei confronti del numero di partecipanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi questo articolo

Invia questo articolo ad un amico