Pionieri della blockchain
Accedi

Aztec: transazioni private per contratti intelligentiTempo di lettura: 6 min.

AZTEC è una soluzione di secondo livello che coniuga privacy e scalabilità, capace di creare transazioni private e programmabili.

Il “denaro programmabile” è la grande rivoluzione che la blockchain ha attuato,  ovvero un contratto intelligente che controlla le movimentazioni di capitali all’interno di un’applicazione finanziaria.

Questo ha permesso di portare vaste aree della finanza su sistemi blockchain, cambiandone radicalmente il funzionamento ed  eliminando il rischio di controparte.

Ethereum oggi rappresenta un semplice ed efficiente sistema per creare “denaro programmabile” tuttavia tale possibilità, necessità di algoritmi pubblici, dove ogni input ed output delle transazioni, così come la loro convalida, siano visibili a tutti.

La controparte in questo sistema è rappresentata dalla mancanza di privacy nelle transazioni, da qui il concetto di “transazioni riservate” ovvero transazioni su una rete blockchain pubblica il cui valore è nascosto.

Perchè AZTEC?

Esistono già attualmente blockchain che hanno implementato transazioni riservate, ad esempio Monero e Zcash, tuttavia manca un’implementazione che permetta il supporto di calcoli generici su macchine virtuali di tipo Turing complete come lo è Ethereum.

Questa mancanza ha limitato l’utilizzo di transazioni riservate solo a  trasferimenti di criptovalute native sulle rispettive blockchain.

Il protocollo AZTEC consente transazioni riservate su blockchain che supportano calcoli generici, in Ethereum è possibile allegare il protocollo AZTEC a tutte le risorse digitali esistenti definite sulla piattaforma (risorse digitali conformi allo standard ERC-20).

Al fine di abilitare la privacy su blockchain pubbliche, tramite una serie di prove a conoscenza zero e crittografia, il protocollo consente di eseguire controlli logici su valori crittografici senza che i valori sottostanti siano rivelati alla blockchain.

Inoltre la convalida a conoscenza zero su Ethereum incontra dei limiti, dati dalla mancanza di interoperabilità e dall’incapacità di eseguire la costruzione di prove su di un browser client.

Vediamo nel dettaglio il funzionamento di Aztec e come riesce a superare questi limiti..

Come funziona Aztec?

In Aztec ogni transazione è una nota, che va a comporre un registro di note. Ogni saldo di un utente è dato da tutte le note che il suo indirizzo possiede sul registro note

 

Contrariamente ad AZTEC, la maggior parte dei sistemi Zero Knowledge manca di interoperabilità, questa permette un utilizzo interoperabile del capitale (utilizzando ad esempio un capitale ottenuto come interesse da un prestito, per regolare scambi con asset differenti), rende possibile l’interoperabilità tra dAAP che interagiscono con prove a conoscenza zero.

AZTEC  Cryptography Engine

Per ottenere questa interoperabilità, AZTEC tiene una configurazione comune gestito da un unico smart contract ACE ( AZTEC cryptography Engine), con due funzioni principali:

  1. delegare la convalida delle prove a specifici contratti di convalida
  2. elaborare e aggiornare lo stato dei registri delle note che risultano da prove convalidate.

 

 

Il protocollo AZTEC permette di costruire delle dAAP, grazie ad elementi costitutivi modulari, ognuno con una propria funzionalità.

Uno sviluppatore  può costruire la propria dAAP privata senza il coinvolgimento di un crittografo.

Privacy, anonimato e riservatezza

Sono termini spesso utilizzati quando si parla di “prove a conoscenza zero”. Vediamo il significato più nel dettaglio e vediamo come il protocollo AZTEC li gestisce:

  • privacy; qualunque aspetto di una transazione resta segreta al pubblico.
  • anonimato; input e output di una transazione sono pubblici, ma le transazioni sono oscurate impedendo così l’identificazione delle parti della transazione
  • riservatezza; input e output pubbliche, le transazioni restano nascoste.

Normalmente utilizzando normali indirizzi Ethereum il grafico delle transazioni di AZTEC non è anonimo.

Tuttavia poichè AZTEC non richiede al mittente di essere parte delle transazioni, il grafico delle transazioni può essere nascosto.

Con l’utilizzo misto di indirizzi invisibili e transazioni inoltrate da una parte fidata, con il fine di nascondere il pagamento del gas, si ottiene l’anonimato.

Gli aggiornamenti in atto consentiranno di oscurare il gas delle transazioni in maniera decentralizzata, avremo così transazioni completamente private. 

In arrivo AZTEC 2.0

La nuova soluzione annunciata da AZTEC prevede l’utilizzo di uno nuovo standard z-SNARK chiamato PLONK.

Nuovo perchè prevede un sistema a due livelli capace di ridimensionare la rete Ethereum, applicando privacy ma aumentandone anche la scalabilità.

Il sistema di elaborazione raggruppa le transazioni in un’unica prova pubblica, nella catena principale di Ethereum, aumentando il numero di throughput delle transazioni e riducendo notevolmente il consumo di gas.

A differenza delle classiche soluzioni di livello 2, che offrono scalabilità tralasciando la privacy, AZTEC 2.0 le unisce offrendo entrambe queste importanti funzionalità.

La soluzione nasconde il  mittente, il destinatario e l’importo zkSNARK, queste poi vengono raccolte, raggruppate e sottoposte ad un ulteriore rollup zkSNARK, creando così un doppio rollup.

Inviandole come singola prova alla rete Ethereum.

Privacy programmabile con NOIR

Uno dei principali ostacoli per la DeFi potrebbe essere la privacy, in considerazione del fatto che sta abbracciando sempre più ampi settori del mondo finanziario.

AZTEC 2.0 e l’utilizzo di PLONK, consente lo sviluppo di uno zk-SNARK “universale”, programmabili con qualsiasi interazione DeFi che si traduca in un token.

Per consentire agli sviluppatori di creare transazioni zk-SNARK compatibili con AZTEC 2.0, è stato creato un linguaggio di script ad hoc, chiamato Noir, un linguaggio open source che consentirà agli sviluppatori di creare una logica personalizzata da applicare e far funzionare su qualsiasi applicazione DeFi.

Conclusioni

Abbiamo visto come AZTEC si differenzia dai classici sistemi zk-SNARK per la capacità di coniugare privacy e scalabilità.

Scalabilità DeFi con  protezione dell’utente integrata, riduzione del gas e programmabilità dei contratti privati grazie al linguaggio di script Noir.

AZTEC 2.0 è attualmente disponibile sulla rete di test Ropsten, utilizzata a scopo di test prima del lancio sulla mainnet prevista per novembre.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su reddit
Raffaele Scianni

Raffaele Scianni

Appassionato di tematiche sociali e ambientali. Credo che la decentralizzazione sia il nuovo orizzonte possibile per l'umanità. Questa convinzione mi ha portato ad approfondire la blockchain ed il progetto Ethereum.

Vuoi approfondire le dinamiche di questo articolo?

Prenota una consulenza con un esperto del team di EtherEvolution che saprà rispondere alle tue domande.
Raffaele Scianni

Raffaele Scianni

Appassionato di tematiche sociali e ambientali. Credo che la decentralizzazione sia il nuovo orizzonte possibile per l'umanità. Questa convinzione mi ha portato ad approfondire la blockchain ed il progetto Ethereum.

Vuoi approfondire le dinamiche di questo articolo?

Prenota una consulenza con un esperto del team di EtherEvolution che saprà rispondere alle tue domande.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi 4 video dall'evento EtherEvolution LIVE

e altre informazioni utili per capire la blockchain ed il mondo di Ethereum

Ricevi 4 video dall'evento EtherEvolution LIVE

e altre informazioni utili per capire la blockchain ed il mondo di Ethereum