LE NEWS SU ETHEREUM IN ITALIA

Menu
Home » Wallet » Differenze tra Ledger Nano S e Ledger Nano X: quale scegliere?

Differenze tra Ledger Nano S e Ledger Nano X: quale scegliere?

17 Gennaio 2019 18:00
Tempo di lettura: 6 min.
17 Gennaio 2019 18:00
Giuseppe Brogna

Ledger Nano S - The secure hardware wallet

Dal momento dell’annuncio in casa Ledger del nuovo dispositivo “Ledger Nano X”, in molti si interrogano sulle differenze tra Ledger Nano S e Ledger Nano X. Quale scegliere per un eventuale acquisto?

Da quando è stato lanciato qualche anno fa, il Ledger Nano S ha costituito un must per l’utente che bazzica nel mondo delle criptovalute.

È divenuto in breve tempo l’emblema della categoria degli hardware wallet, cioè di quei dispositivi che adottano particolari misure per la protezione delle chiavi private.

Ha soppiantato la concorrenza dei dispositivi Trezor, facendo sì che quasi ogni appassionato, investitore o trader abbia avuto a che fare con la “chiavetta” prodotta dall’omonima azienda francese.

Ma cosa cambia tra il Ledger Nano S e il nuovo Ledger Nano X?

Ledger Nano S Vs Ledger Nano X

Ledger Nano S

Il Ledger Nano S è un hardware wallet che si caratterizza per non esporre mai all’esterno le chiavi private utilizzate per firmare le transazioni.

Il Ledger Nano S è a tutti gli effetti un micro PC con il suo sistema operativo (BOLOS). Comunica con gli altri PC attraverso il cavo USB fornito in dotazione.

Le chiavi private sono memorizzate in un area di memoria “tamper proof” – protette da un “secure chip” bloccato con un codice PIN – a cui accede solo l’hardware direttamente da chiamate del sistema operativo.

In parole più semplici, anche se il Ledger Nano S viene utilizzato su una macchina compromessa, le criptovalute non sono a rischio, poiché le chiavi private non abbandonano mai l’area protetta del dispositivo.

Le operazioni sul Ledger Nano S sono controllate attraverso solo 2 tasti e vengono visualizzate sullo schermo del dispositivo.

Per inviare una transazione è obbligatorio provvedere alla sua firma premendo sul tasto destro del dispositivo, previa verifica sullo schermo dell’indirizzo di destinazione e dell’importo da inviare.

Qui puoi trovare la nostra guida sull’utilizzo del Ledger Nano S.

Ledger Nano X

Il Ledger Nano X si basa sugli stessi principi di sicurezza appena descritti, ma è rivolto principalmente a un utilizzo mobile.

Integra la comunicazione Bluetooth per essere utilizzabile con lo smartphone, grazie alla versione dell’applicazione Ledger Live sviluppata per i dispositivi mobile.

La connessione bluetooth è crittografata end-to-end per proteggere la privacy degli utenti.

L’azienda dichiara che, nell’ipotesi remota di compromissione del trasporto bluetooth, un attaccante non sarebbe comunque in grado di estrarre le chiavi private o di firmare una transazione che l’utente non intende inviare.

La connessione bluetooth può comunque essere disattivata a discrezione dell’utente. Il Ledger Nano X è accompagnato anche dal cavo USB, che può essere utilizzato per collegarlo fisicamente al PC.

In altri termini, con il Ledger Nano X hai 2 opzioni:

  1. puoi utilizzarlo con il tuo smartphone, grazie alla connessione bluetooth;
  2. puoi interfacciarlo al PC (solo architettura 64 bit) di casa o lavoro attraverso il cavo USB fornito nella confezione.

(La compatibilità con il bluetooth per desktop non è ancora disponibile, quindi per utilizzarlo con il PC è necessario il cavo)

Il Ledger Nano X è dotato di maggiore spazio di archiviazione rispetto al fratello Ledger Nano S. Supporta fino a 100 applicazioni installate simultaneamente sul dispositivo, ma l’effettiva capacità dipende dalla dimensione delle app installate.

Poiché il Ledger Nano X è utilizzabile anche senza cavo, devi prendere in considerazione la durata della batteria.

La batteria del Ledger Nano X presenta una capacità di 100 mAh. Può essere caricata collegando il dispositivo a un laptop o al PC desktop, attraverso il cavo USB fornito in dotazione.

L’azienda dichiara che in caso di utilizzo continuativo del dispositivo la batteria dura fino a 8 ore, mentre alcuni mesi (fino a 3) se il dispositivo è in idle, partendo da una ricarica completa.

Il Ledger Nano X è dotato di uno schermo più grande rispetto al LedgerNano S, passando dai 128×32 ai 128×64 pixel.

La maggiore dimensione dello schermo è utile per visualizzare al meglio i dettagli della transazione che si sta per inviare, o dell’indirizzo sul quale si intende ricevere.

Quale scegliere?

Dopo aver esposto i caratteri distintivi dei due dispositivi di casa Ledger, è giunto il momento di capire qual è quello che fa al tuo caso.

Non esiste una risposta universale valida per tutti gli utenti. Come al solito, la scelta dipende dalle concrete esigenze di chi deve utilizzarlo.

Potresti aver bisogno solo dell’uno o dell’altro, oppure di entrambi da utilizzare in combinazione. Vediamo perchè.

Opzione S

Se sei un utente che fa holding di lungo termine, e che ha bisogno di effettuare transazioni solo di rado, il Ledger Nano S, da utilizzare col PC, è più che sufficiente per te.

Se sai che non avrai mai l’esigenza di dover inviare o ricevere criptovalute attraverso lo smartphone, in qualunque momento e/o in qualunque luogo in cui ti troverai, non è necessario che tu prenda il Ledger Nano X.

Il Ledger Nano S, in definitiva, non soddisfa solo le esigenze chi vuole avere a disposizione un dispositivo da utilizzare in ogni momento in combinazione con lo smartphone, senza l’obbligo di collegarlo fisicamente a un PC.

Opzione X

Se vuoi essere sicuro di poter sempre effettuare una transazione anche con lo smartphone, quando non sei in casa o non hai con te il laptop, allora il Ledger Nano X è la soluzione che si adatta a te.

Se ad esempio sei in spiaggia e hai l’esigenza di inviare una transazione (per ragioni di trading o per effettuare un pagamento), ma hai con te solo lo smartphone, grazie alla combinazione con il Ledger Nano X potrai inviare o ricevere criptovalute in ogni momento.

Un altra ragione (meno rilevante) di scelta del Ledger Nano X, potrebbe risiedere nella presenza di maggiore spazio per l’archiviazione delle applicazioni.

Con il Ledger Nano S, quando si esaurisce lo spazio di archiviazione, bisogna disinstallare qualche app per far spazio a quella che si desidera utilizzare. Ad esempio, se vuoi installare l’app di Ethereum ma non hai spazio, devi prima eliminarne un’altra (ad esempio quella di Ripple).

Ovviamente, la cancellazione di un app non determina la perdita delle criptovalute associate, ma qualcuno può comunque ritenere fastidioso questo procedimento di cancellazione e reinstallazione.

Pertanto, il Ledger Nano X può fare al caso di chi ha intenzione di gestire molte criptovalute, e quindi deve installare molteplici applicazioni. Come detto, può memorizzare fino a 100 applicazioni simultaneamente.

Entrambi

Non va esclusa l’ipotesi in cui un utente trovi utile l’utilizzo sia del Ledger Nano S che del Ledger Nano X.

Se scegli di dotarti di entrambi, potresti utilizzare il Ledger Nano X solo per lo storage di cifre più piccole da portare in giro con te. Al contempo, il Ledger Nano S andrebbe tenuto in casa o in una cassaforte per conservare in modo sicuro la restante parte dei tuoi averi in criptovalute.

Per ultima, ma non per importanza, va considerata l’ipotesi di guasto del Ledger Nano X, che potrebbe essere provvisoriamente sostituito dall’utilizzo del Ledger Nano S.

Conclusioni

Tieni infine presente che se hai già un Ledger Nano S, ma hai deciso di dotarti di un Ledger Nano X, non sarai obbligato a effettuare delle transazioni per trasferire le tue criptovalute dal “vecchio” Ledger Nano S al nuovo Ledger Nano X che stai per acquistare.

Nella fase di setup del Ledger Nano X, anziché optare per la configurazione di un nuovo dispositivo, sarà sufficiente scegliere di effettuare un ripristino utilizzando il seed (le 24 parole) del “vecchio” Ledger Nano S.

Spero che questa guida ti sia stata utile per comprendere le differenze tra Ledger Nano S e Ledger Nano X. Se hai dubbi o domande, non esitare a farcelo sapere nei commenti.

Ti consiglio di acquistare sempre i dispositivi Ledger dal sito ufficiale della casa produttrice:

  • per acquistare il Ledger Nano S (ora a un prezzo conveniente), clicca qui;
  • per acquistare il Ledger Nano X, clicca qui.

Ledger Nano S - The secure hardware wallet

NON PERDERTI LA GUIDA COMPLETA su come comprare, vendere, trasferire e conservare in totale sicurezza gli Ether. COMPILA IL FORM qui sotto. È gratis!

ACCEDI ORA AI VIDEO GRATUITI














SPUNTA il checkbox qui a lato PER OTTENERE la GUIDA GRATUITA.
In più, ti invieremo successivamente delle email contenenti il frutto delle nostre ricerche più avanzate su ethereum e criptovalute e dettagli sui nostri servizi legati alle criptovalute. Tratteremo i tuoi dati personali con la massima cura e in conformità della normativa privacy GDPR UE2016/679. Se lo vorrai potrai disiscriverti in qualsiasi momento e con un semplice click. La tua preparazione sugli investimenti in ether e criptovalute sta per prendere il volo.

Condividi
  • 26
    Shares

Articoli che potrebbero interessarti

16 Agosto 2017

Guida (a prova di idiota!) al Ledger Nano S

Contenuto dell'articolo1 Cos’è il Ledger Nano S?2 Come creare un portafoglio da...

Leggi tutto

CATEGORIE:

Wallet


Giuseppe Brogna

Giuseppe è laureato in giurisprudenza, da sempre appassionato di tecnologia e studioso di tematiche economiche. Stimolato dal potenziale impatto economico e sociale, si approccia al mondo delle DLT; matura particolari interessi nella nuova finanza hitech legata alle tecnologie del ledger distribuito.


  1. ha commentato:

    Salve, un portafoglio di Ethereum sul Nano S può contenere Ether ed anche Token erc20 al suo interno, oppure bisogna installare 2 app diverse?

    E’ la stessa cosa per un portafoglio che contiene altcoins?

    Grazie

    • ha commentato

      Ciao Yuri. Il wallet Ethereum installato sul Ledger può contenere i token ERC20, cioè tutti quei token costruiti sulla blockchain di Ethereum. Attenzione, però, non può contenere “altcoins”, intese come tutte le monete diverse da ether e dai token che girano su Ethereum.

      • ha commentato:

        E anche per le altre monete bisogna aprire un portafoglio specifico solo per loro giusto? Per esempio per i Litecoin bisognerà installare un portafoglio solo per lui… non ci sono monete che possono condividere uno stesso portafoglio?

        • ha commentato

          Possono condividere lo stesso wallet solo le “monete” che girano sulla stessa blockchain, come ad esempio i token ERC20 di Ethereum. Per Litecoin devi installare la sua apposita app sul Ledger.

          • ha commentato:

            Chiaro! Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi questo articolo

Invia questo articolo ad un amico