Pionieri della blockchain
Accedi

La nascita di Ethereum: la storia dell’invenzione della blockchainTempo di lettura: 19 min.

Oggi ti parlerò della nascita di Ethereum e di come Vitalik Buterin riuscì ad organizzare il suo team che portò all’invenzione della seconda blockchain più importante al mondo.

Un piccolo gruppo si era riunito al Pauper’s Pub di Toronto in un sabato pomeriggio del novembre 2012 per parlare di Bitcoin.

Anthony Di Iorio, imprenditore, aveva organizzato l’incontro avendo letto interessanti notizie sulle criptovalute, al tempo poco conosciute. Preoccupato per la salute del sistema finanziario, aveva venduto le sue proprietà di Toronto, acquistato alcuni bitcoin e stava ora cercando persone simili a lui per condividere il suo nuovo zelo.

Di Iorio ha creato un evento sul sito Meetup.com: “Questo sarà il primo bitcoin meetup di Toronto. Organizziamo e vediamo cosa succede.” Si era iscritta una manciata di persone che non si era mai incontrata prima.

Un partecipante pallido aveva detto no alla birra, al cibo del pub e alla maggior parte delle interazioni sociali. Il suo nome era Vitalik Buterin ed era uno studente del primo anno dell’Università di Waterloo, nel sud-ovest dell’Ontario, dove stava studiando informatica.

“Non ha parlato molto. Non c’era una vera conversazione con lui.”, dice Di Iorio. “Alle altre riunioni lo abbiamo conosciuto meglio.”

Sembra che Buterin non fosse il solito teenager nerd. L’anno prima con un amico della Romania, aveva fondato il Bitcoin Magazine. Buterin si stava costruendo un nome nella comunità della crittografia.

Pochi mesi dopo quella riunione a Toronto, ha lasciato l’università per viaggiare per il mondo e scrivere la rivista a tempo pieno. Un anno dopo, Di Iorio stava ancora organizzando le riunioni, anche se in un luogo diverso con più spazio per una folla più grande ed un proiettore.

Buterin venne con una nuova idea. Bitcoin aveva reso possibile inviare denaro in tutto il mondo senza tasse, banche o governi; lui aveva trovato un modo per applicare quest’idea a tutto il resto e inaugurare il Web 3.0, la versione decentralizzata di Internet, le cui possibilità sono infinite.

Un contadino dell’Iowa potrebbe monetizzare un contratto di assicurazione che ha promesso di pagargli un certo importo nel caso in cui la pioggia non raggiungesse il livello concordato durante una stagione.

Una macchina a noleggio potrebbe collegarsi con lo smartphone del conducente e avviare l’accensione tramite un’applicazione, pagare la quota giornaliera e poi sbloccare o avviare la macchina una volta scaduto il contratto di noleggio.

Le persone potrebbero guadagnare soldi affittando i propri dischi rigidi per un servizio di storage cloud decentralizzato come Dropbox.

Tali contratti non potrebbero essere fatti con bitcoin o una mera valuta. Bitcoin è stato reso possibile da un’innovazione chiamata blockchain, un registro sicuro per le transazioni che non può essere facilmente modificato.

Ma il linguaggio di script di Bitcoin può essere utilizzato solo per determinati tipi di transazioni.

Buterin ha proposto di costruire un nuovo sistema basato su una blockchain chiamata Ethereum, facile da capire e facilitata da un linguaggio di codifica in grado di risolvere teoricamente qualsiasi problema computazionale.

Ethereum ha potuto eliminare la necessità di fiducia di una singola società, persona o governo per mantenere sicure quantità enormi di denaro e dati.

Vitalik Buterin è il co-creatore di Ethereum, una criptovaluta basata sulla  blockchain che funziona con transazioni finanziarie che Bitcoin non potrebbe gestire.

Di Iorio ha detto a Joseph Lubin, un altro imprenditore interessato a Bitcoin che al tempo viveva in Jamaica, di venire in un meeting per saperne di più sull’idea di Buterin.

Come Di Iorio, stava cercando un progetto in cui investire. Dopo aver letto il whitepaper che Buterin aveva scritto su Ethereum nel 2013, capì di averlo trovato.

“Ti permette di capire come potremmo cristallizzare tutto il potenziale che abbiamo visto e che molte altre persone hanno visto in Bitcoin,” dice Lubin. “Fornisce un meccanismo per decentralizzare tutte le cose.”

In 3 anni e mezzo, Ethereum avrebbe raggiunto un valore di $7 miliardi. Il termine “blockchain” sarebbe stato molto più di una buzzword aziendale e le più grandi aziende e istituzioni finanziarie del mondo avrebbero sperimentato la tecnologia di Buterin.

E il teeneger scosso e scomodo sarebbe emerso come leader mondiale rispettato nel mondo delle cryptocurrency. Ma innanzitutto aveva un po’ di lavoro – e apprendimento – da fare.

Vitalik Buterin era nato a Kolomna, Russia, un’antica città a 100 km a sud da Mosca. I suoi genitori si trasferirono a Toronto da Mosca nel 1999, prima del suo sesto compleanno.

Da allora, Buterin all’età di quattro anni giocava già con i computer e con Excel.

Suo padre, Dmitry Buterin, ricorda che suo figlio aveva scritto un complesso documento chiamato l’Enciclopedia dei Conigli a sette anni.

“Di base, si inventò questo universo popolato dai conigli, ma governato da strette formule,” ha detto Dmitry, informatico professionista che ha recentemente fondato un incubatore per startup blockchain chiamato Blockgeeks Lab. “Era tutto pieno di matematica, grafici e calcoli.”

Anni dopo quando Buterin ha detto a suo padre che stava pensando di lasciare l’università per viaggiare per il mondo e imparare tutto quello che c’era di sapere su Bitcoin, Dmitry glielo ha permesso.

“Gli ho detto, “Sai cosa?” Se rimani avrai un bel lavoro garantito alla Apple, Google o altro. Farai $100,000, o probabilmente di più,” ha detto Dmitry.

“Se molli tutto sarà diverso, la vita sarà più difficile. Ma imparerai molto di più che all’università. E questo va bene. E lui lo ha fatto.” Buterin ha mollato tutto nel 2013 e ha viaggiato verso Israele, Amsterdam e San Francisco per scrivere per la rivista e lavorare su vari progetti relativi alle criptovalute.

Anthony Di Iorio è stato uno dei primi entusiasti per Bitcoin e uno dei primi eccitati per Ethereum.

Buterin ha pubblicato il white paper di Ethereum a novembre dello stesso anno e ha messo in piedi un team qualche settimana dopo.

Il team includeva Di Iorio, il co-founder di Bitcoin Magazine Mihai Alisie, Amir Chetrit — con cui aveva lavorato ad Israele in un progetto Bitcoin chiamato ColoredCoins — e Charles Hoskinson, un matematico americano che ha fondato un”iniziativa per  rendere mainstream Bitcoin chiamata Bitcoin Education Project.

A 38 anni, Di Iorio era il più anziano di circa dieci anni.

A partire dal gennaio 2014, venne il momento di incontrarsi faccia a faccia. Tutti comprarono i biglietti aerei. Chetrit fece fare le t-shirt. Il team affittò una casa a Miami prima della North American Bitcoin Conference e si mise a lavorare alla costruzione del progetto Ethereum.

Gavin Wood, un programmatore inglese che in seguito avrebbe firmato come fondatore di Ethereum, stava lavorando già durante le sue vacanze natalizie per mettere in codice il whitepaper di Buterin.

Non appena prese possesso della casa di Miami a fine gennaio, era pronto a inizire intense sessioni di coding con i suoi amici sviluppatori. Invece trovò una festa.

Anche se bitcoin era sceso a circa $800 da un prezzo di $1,127  a novembre, il prezzo nell’agosto 2013 era di $100. La community di Bitcoin si sentiva ricca.

“Le feste erano piuttosto stravaganti – bar sulla spiaggia di Miami, quel tipo di cose,” ha detto Wood. “Almeno per me, che venivo da una piccola cittadina nel nord dell’Inghilterra, era una situazione piuttosto folle.”

Sculture di ghiaccio e ballerine, comunque, non erano abbastanza per i nuovi ricchi di Bitcoin. Loro stavano cercando la prossima cosa su cui investire. Molti di loro stavano cercando Buterin e vedevano i dollari in arrivo.

In normali circostanze gli investitori non si affiderebbero ad un giovane di 19 anni, la cui sola esperienza imprenditoriale consisteva nella gestione di una rivista dalla casa dei genitori.

Buterin potrebbe non corrispondere all’immagine del tipico uomo d’affari, ma corrispondeva ad un altro stereotipo: un teeneager nerd con un’idea miliardaria. La prospettiva di investire nel prossimo Steve Wozniak o Mark Zuckerberg era molto attraente.

Una notte, durante una conferenza, Buterin parlò della sua visione indossando una maglietta nera con il logo di Ethereum e parlando in modo monotono intenso.

Ricevette una standing ovation e venne accolto da una serie di persone che aspettavano di parlargli mentre usciva dalla sala. Il suo status di profeta era stato stabilito ufficialmente.

Con l’aumento del brusio e decine di persone che attraversavano quotidianamente la casa affittata a Miami, Ethereum aveva ufficialmente avuto altri tre fondatori: Wood, Joseph Lubin e lo sviluppatore Jeff Wilcke.

Lubin, che aveva precedentemente gestito un hedge fund e aveva lavorato presso Goldman Sachs, ricorda di essersi preoccupato del fatto che alcune persone si stessero un po’ facendo prendere la mano. “Stavamo pensando a quale isola dovevamo acquistare perché avevamo bisogno di un posto per quella nuova società. Eravamo un po’ sconcertati “, dice. “Alcuni di noi … hanno cominciato a pensare, “Ehi, aspetta un secondo”.

Una buona ragione per aspettare un secondo era assicurarsi di rispettare le dovute leggi di sicurezza. Prendere denaro da investitori americani non accreditati avrebbe potuto renderli soggetti a spese della U.S. Securities and Exchange Commission (SEC). “Abbiamo pensato che un giorno avremmo potuto fermarci al JFK e l’FBI ci avrebbe bloccato”, dice Lubin.

Di conseguenza, i fondatori decisero di aspettare piuttosto che iniziare una campagna di crowdfuding subito dopo la conferenza.

Assunsero degli avvocati per scrutinare l’offerta. Registrarono una società in Svizzera, che ha un’attitudine più amichevole rispetto ad altri Paesi nei confronti di progetti con il potenziale di mettere alla prova i sistemi legali e finanziari.

Ebbero lunghe conversazioni circa il modello di Ethereum, se come Google, una società for-profit, o come Mozilla, una fondazione no profit che aveva reso open-source il browser Firefox.

Le settimane andavano avanti e le tensioni tra i fondatori stava crescendo. I programmatori e gli uomini di affari si divisero in due fazioni.

Di Iorio e Lubin stavano pagando i costi di loro tasca perché il progetto non aveva finanziamenti esterni.

Di Iorio dice che l’idea di trasformare Ethereum in una società non-profit era scandalosa su più livelli. Dopo tutto, si era messo a punto un avvio promettente e aveva prestato al progetto centinaia di migliaia di dollari prima di capire che la squadra lo avrebbe usato per costruire una progetto come Google, non per accettare donazioni caritatevoli.

Inoltre, la mise da un punto di vista ideologico. “Non sono mai stato un fan delle fondazioni non-profit”, dice. “Se si guarda cosa può fare Chrome e ciò che può fare Firefox, questa è la differenza tra una società a scopo di lucro e una società senza scopo di lucro”.

Per cercare di mediare tra le differenze, il team si incontrò di persona a Zug, Svizzera, che Alisie aveva reso la patria di Ethereum. La convinzione di Buterin che Ethereum dovesse essere non-profit vinse, mandando in frantumi i sogni di alcuni co-fondatori con una mentalità più di business.

Hoskinson, che era stato nominato CEO di Ethereum, era stato un altro avversario del percorso senza scopo di lucro.

In un incontro sulla terrazza della casa di legno, che divenne noto come “l’incidente sanguinoso del ponte”, gli altri fondatori decisero di prenderlo in giro.

Chetrit lasciò, preoccupato per la reale possibilità che tutti sarebbero finiti in prigione per violazioni di titoli. “Andarono avanti e costruirono questa bella cosa e questo enorme movimento. Quindi in un certo senso, avevano ragione e mi sbagliavo “, dice Hoskinson. “Ma sai, forse sarebbe stato 10 miliardi di dollari e avrebbe avuto molto più successo se avessimo fatto diversamente”.

Come inventore di Ethereum, Buterin ha sempre avuto due voti. Ma all’inizio del progetto si ricorda che si sentiva come se avesse bisogno di affidarsi sull’esperienza di altra gente del suo team con più esperienza. Dopo essere stato a Zug, ha scoperto che il fato del progetto sarebbe restato sulle sue spalle.

“Mi sono reso conto di essere stato colui che ha avuto la capacità di prendere una decisione”, dice. “Mi dicevo “Oh mio Dio, è tutto sulle mie spalle “.

Alla fine del luglio 2014, il progetto Ethereum era da sei mesi senza fondi, da quando il team iniziale era stato creato.

Aveva accumulato enormi debiti per avvocati, viaggi e registrazioni aziendali. Era stato difficile resistere a prendere i soldi dai credenti ansiosi, ma la squadra legale di Ethereum era finalmente sicura di aver trovato un modo per evitare problemi di regolamentazione.

Invece di vendere equity o debito, Ethereum avrebbe offerto un prodotto: Ether, la crittografia di Bitcoin incorporata nella piattaforma. Per evitare il sovraccarico del sistema e dare un incentivo agli sviluppatori per scrivere codice efficiente, tutte le transazioni e le applicazioni basate su Ethereum avrebbero richiesto Ether.

Durante le prime due settimane di crowd sale, Ethereum vendette 2,000 ether al prezzo di un bitcoin, ma il prezzo aumentò dopo.

Con Bitcoin che valeva al tempo $600, ogni ether valeva $0.30.

Il giorno prima che il prezzo aumentasse, i fondatori si erano separati in vari posti intorno al mondo, ma erano tutti incollati allo stesso collegamento sui loro telefoni e schermi di computer.

Ripetutamente premendo il tasto di refresh dell’account di Bitcoin tramite cui stavano accettando i fondi, hanno guardato il grafico.

Buterin stava andando a trovare un amico a Waterloo, Ontario. Quel momento se lo ricorda come il momento in cui è diventato chiaro che il progetto era più che semplicemente un ‘hype’. “L’interesse era qualcosa di reale. Non erano persone che dicevano cose “, dice. “Questo mi ha dato una sensazione di orgoglio e di responsabilità”.

La crowd sale durò 42 giorni, in riferimento a “la risposta alla vita, all’universo e a tutto” dal libro di  Douglas Adams’ The Hitchhiker’s Guide to the Galaxy. Alla fine, Ethereum raccolse più di 31,000 bitcoins, o US$18.4 milioni.

Ether è creato come token funzionale alle persone che usano Ethereum, non una valuta come bitcoin o un reale asset come l’oro. Comunque, chiunque abbia acquistato ether durante la crowdsale ha fatto estremamente bene se li ha tenuti.

Ad inzio maggio il prezzo di ether raggiunse i $77 – una crescita del 25,567% rispetto al prezzo iniziale (da allora è cresciuto anche di più).

Come tipico nel mondo delle criptovalute, il prezzo di ether è stato estremamente volatile da quando Ethereum è andato live nel 2015. Nel giugno 2016, un hacker ha temporaneamente rubato $50 milioni in ether che appartenevano a chi aveva investito in un progetto chiamato DAO.

Dopo un lungo mese di dibattito, la community di Ether votò in favore di una modifica del software per restituire i fondi ai suoi legittimi proprietari, ma il prezzo cadde del 50% in 48 ore.

Venne modificato con successo. News di un’alleanza di grandi società che si era formata per adottare Ethereum – insieme ad altri fattori – portò il prezzo a più di $77 il 3 maggio, diminuendo poi a $17.25 il 9 marzo.

Ethereum ha molto potenziale in termini di hype e valore di mercato, ma deve ancora cambiare il mondo.

Ci sono alcune applicazioni basate su Ethereum che permettono grandi cose anche alle persone che non sanno niente di codici. Gli esperimenti condotti da molte compagnie e banche si limitano, però, a test e proof of concept.

Servirebbe apportare molte più migliorie alla tecnologia per permettere ad Ethereum di gestire i volumi di dati processati giornalmente dai giganti di Internet. Buterin non è preoccupato. Dice che ci vuole pazienza.

In cinque anni lui pensa che Ethereum avrà lanciato alcune delle più importanti applicazioni che saranno utili a grandi gruppi di persone, portandoci molto più vicini al sogno degli appassionati di crypto di decentralizzazione di tutte le cose.

E’ un sabato soleggiato di aprile, ma Buterin si trova nel seminterrato del Mars Discovery District di Toronto, aspettando un hackaton organizzato dall’incubatore blockchain di suo padre.

Si prepara un tè mentre pensa a ciò che avrebbe fatto diversamente se potesse tornare indietro nel tempo e ripetere l’operazione.

“Sicuramente avrei cambiato il modo di trovare le persone che ho accettato nella cerchia”, dice. “Inizialmente io ero veramente felice di avere tutte queste persone perché mi sentivo come se tutti questi adulti sapessero come mettere in pratica il progetto. In realtà molti di loro erano senza esperienza come me.”

Agli inizi, Buterin dice che avere un grande team gli era sembrato un buon modo per esercitare i valori di inclusività e apertura. Ma poi realizzò che non era il caso visto che il tempo passava e non importava quanto fosse grande il gruppo.

Jeff Wilcke è l’unico founder originale che sta ancora lavorando direttamente con Buterin all’Ethereum Foundation.

Le altre persone hanno messo in piedi le loro società o lavorano come consulenti, usando Ethereum per costruire app per business o consumatori. Buterin dice che non ha mai avuto senso che Ethereum fosse una società che massimizza i profitti visto che l’importanza della piattaforma è rimuovere il controllo del web dai poteri centralizzati.

Quando gli è stato chiesto cosa fosse importante, lui ha detto: “Credo che Ethereum dovrebbe essere una cosa reciproca costruita per il mondo”.

La notte prima dell’hackathon, Buterin parlò di Ethereum al MaRS. Come fece alla conferenza di Miami tre anni prima, indossava una maglietta nera con il logo di Ethereum e parlò in modo monotono e attrasse un sacco di persone.

Questa volta, comunque, era più sicuro della sua posizione come leader. Ha solo 23 anni, ma è una persona che può cambiare le cose.

Il futuro potrebbe essere decentralizzato ma per ora Buterin tiene sotto controllo la situazione.

di Claire Brownell

Clicca qui per accedere alla guida gratuita (e completamente in lingua italiana) su come comprare, vendere, trasferire e conservare in sicurezza gli Ether.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su reddit
Amelia Tomasicchio

Amelia Tomasicchio

Amelia Tomasicchio scrive di Bitcoin ed Ethereum dal 2014. Con una laurea in lettere e un master in marketing, Amelia si occupa soprattutto di content marketing e social media management per diverse aziende nel settore fintech.

Vuoi approfondire le dinamiche di questo articolo?

Prenota una consulenza con un esperto del team di EtherEvolution che saprà rispondere alle tue domande.
Amelia Tomasicchio

Amelia Tomasicchio

Amelia Tomasicchio scrive di Bitcoin ed Ethereum dal 2014. Con una laurea in lettere e un master in marketing, Amelia si occupa soprattutto di content marketing e social media management per diverse aziende nel settore fintech.

Vuoi approfondire le dinamiche di questo articolo?

Prenota una consulenza con un esperto del team di EtherEvolution che saprà rispondere alle tue domande.

4 risposte

  1. Gran bella pubblicazione 🙂
    Anche se su 2 scie diverse, la storia ed il percorso di Vitalik Buterin mi ricorda unpo’ quella di Steve Jobs, Steve Wozniak e Bill Hatkinson quando nella loro “mansarda” dettero vita al MacIntosh: all’inizio sembra un sogno quasi ridicolo ma l’ambizione e qualcosa nella pancia ti dice…”china la testa per affrontare meglio gli ostacoli e VAI !..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CRIPTOGENESIS

Come comprare, proteggere e rivendere le tue prime criptovalute