Pionieri della Blockchain
Menu
Home » Progetti su Ethereum » Akasha Ethereum: un social network decentralizzato

Akasha Ethereum: un social network decentralizzato

04 Febbraio 2017 16:59
Tempo di lettura: 2 min.
akasha ethereum
04 Febbraio 2017 16:59
Amelia Tomasicchio

In questo articolo ti parlerò di un nuovo progetto basato sulla blockchain: Akasha Ethereum.

Si tratta di un decentralizzato social network che vuole modificare il nostro modo di comunicare tramite il web.

Akasha Ethereum, il Social network decentralizzato

Mihai Alisie è il founder di Akasha e co-founder del magazine online Bitcoin Magazine. Ha lavorato molti mesi ad un nuovo social network decentralizzato basato sulla blockchain di Ethereum e il 16 gennaio scorso ha pubblicato la prima versione alpha.

Si tratta del primo social network decentralizzato che usa un framework peer to peer con la possibilità di contribuire attivamente, essendo connesso tramite il download di un nodo.

Il processo di download e di installazione è molto semplice e funziona come bitorrent, con i contenuti che vengono salvati localmente.

Rispetto alle webpage più comuni è sicuramente più lento, ma non è così terribile. Ci mette 5 secondi per ogni click a caricare, con una velocità variabile che dipende da quanti utenti sono connessi: più utenti sono connessi più è veloce.

Facendo una differenza con gli altri network peer to peer, questa versione alpha sembra promettente, dice un giornalista di CryptoCoinsNews che ha in prima persona testato il programma. Di sicuro non rimpiazzerà Twitter, Reddit o Facebook, ma potrebbe sicuramente formare la sua community con una propria cultura e modo di pensare.

Lo stream è compatto come quello di Twitter. I post, simili a quelli di Medium, sono mostrati in un sommario, permettendo di votarli e/o metterli tra i preferiti, oltre ad avere la possibilità di commentarli.

Puoi anche seguire le persone che vuoi e sottoscriverti ad alcuni argomenti, un po’ come su Reddit.

“Akasha utilizza un sistema di voto quadratico con pesi tra 1 e 10. Quindi, se iniziassimo da “1 centesimo per ogni voto” riusciremmo ad ottenere un peso 10 con $1 inviato al creatore del contenuto. Inoltre, con il voto quadratico, abbiamo alcune proprietà interessanti in quanto permette ai creatori di contenuti di capire quanto la gente apprezzi/non apprezzi un particolare cosa o argomento, ecc.”

Non è certo che Akasha Ethereum riuscirà a superare la fase iniziale, ma per ora ha tutti gli ingredienti giusti per iniziare.

E’ un progetto unico, innovativo e radicale. L’inabilità tecnica di qualsiasi autorità nel censurare i contenuti o chiudere i nodi peer-to-peer e decentralizzati in tutto il mondo si traduce nel fatto che non possiamo sapere come verranno – nella pratica – filtrati i contenuti, ma la possibilità data agli utenti di filtrare attraverso tag e inserire un filtro di parole chiave a propria scelta potrà sicuramente essere d’aiuto in tal senso.

Clicca qui per accedere alla guida gratuita su come comprare, vendere, trasferire e conservare in sicurezza gli Ether.

Condividi

CATEGORIE:

Progetti su Ethereum

TAG:


Amelia Tomasicchio

Amelia Tomasicchio scrive di Bitcoin ed Ethereum dal 2014. Con una laurea in lettere e un master in marketing, Amelia si occupa soprattutto di content marketing e social media management per diverse aziende nel settore fintech.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi questo articolo

Invia questo articolo ad un amico