LE NEWS SU ETHEREUM IN ITALIA

Menu
Home » Nuove ICO » Gli errori che si fanno al lancio di una ICO

Gli errori che si fanno al lancio di una ICO

03 maggio 2018 20:56
Tempo di lettura: 3 min.
03 maggio 2018 20:56
Alessandro Di Vita

In questo periodo tutti parlano di ICO.

Le Initial Coin Offerings, sistema di raccolta fondi in criptovalute per lanciare nuovi progetti basati sulla blockchain, sono diventate molto famose e il loro successo durante l’ultimo anno è sotto gli occhi di tutti.

Nonostante le ICO giochino un ruolo fondamentale nel mondo della tecnologia, un buon numero di esse non riesce a raggiungere il successo sperato. Il mondo delle ICO è diventato molto affollato ed è sempre più difficile per i progetti ottenere i loro obiettivi.

Alcuni progetti compiono una serie di errori che possono portare al fallimento al momento del lancio di una ICO, vediamo in dettaglio quali possono essere.

 

La (cattiva) spiegazione del progetto

Una delle cose più importanti da fare quando si lancia una ICO è spiegare dettagliatamente il progetto. Ci sono molte persone che non sono in grado di spiegare chiaramente in cosa consiste la loro ICO e la funzione del loro prodotto. Per questo motivo è giusto saper rispondere a delle domande di base, come per esempio che problema risolverà il progetto, come funziona, perché la blockchain è una soluzione per il progetto, e cosa lo differenzia dagli altri già esistenti.

È importante mettersi nei panni dei partecipanti. Se già di partenza non si sa come rispondere a queste poche domande, nessuno parteciperà mai.

 

Mancanza di comunicazione

Quando il progetto ICO è completo e pronto per il lancio, è bene mantenere sempre informati i partecipanti. È importante capire il target verso il quale indirizzarsi e quali canali di comunicazione sono più adatti per il progetto. Mantenere la comunicazione sui social media è importante per il successo di una ICO, e al giorno d’oggi è molto facile manetenere informato il pubblico. Esistono una serie di canali molto popolari con milioni di utenti iscritti, come per esempio Facebook, Telegram, Twitter, YouTube.

Inoltre è bene non dimenticare di pubblicare il proprio indirizzo mail professionale, in modo da poter rimanere facilmente in contatto con gli utenti.

 

Promuovere la ICO, non il suo prodotto

Uno dei più grandi errori di un progetto al lancio di una ICO è quello di promuovere la ICO stessa, e non il prodotto e la compagnia che vi stanno dietro. Il mercato al giorno d’oggi è affollato e competitivo, ed è per questo che è necessario mantenere il brand aggiornato. Molti progetti sono “tutto sulla ICO” e spesso si dimenticano dell’importanza di pubblicizzare la compagnia e i suoi prodotti, dettaglio invece molto importante per differenziare il progetto dagli altri.

Quando la ICO finisce, è il progetto che resta.

 

Non avere i supporter adeguati

Un piccolo sforzo per la promozione del proprio progetto corrisponde a una mancanza di grandi supporter che potrebbero aiutare nella crescita della ICO. Essi credono nel progetto e cercano una crescita a lungo termine, e inoltre sanno come differenziare la ICO dalle altre. Inoltre, un  supporter in gamba va oltre un buon white paper e una buona pubblicità; cerca infatti progetti che offrono prodotti ottimi, modelli di business, team seri e capaci, trasparenza, impegno del team e idee.

Prendi queste idee, falle tue, e lancia la tua ICO!

Clicca qui per accedere alla guida gratuita su come comprare, vendere, trasferire e conservare in sicurezza gli Ether.

Condividi
  • 6
    Shares

Articoli che potrebbero interessarti

23 aprile 2018

Focus: le mosse giuste per evitare le truffe da ICO – Parte 01

Come fare per difendersi dalle truffe delle ICO? Questa settimana in...

Leggi tutto

9 febbraio 2018

Sonm – il supercalcolatore che guarda al futuro

SONM è un supercalcolatore decentralizzato su blockchain Ethereum. SONM rappresenta un...

Leggi tutto

CATEGORIE:

Nuove ICO


Alessandro Di Vita


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi questo articolo

Invia questo articolo ad un amico