LE NEWS SU ETHEREUM IN ITALIA

Menu
Home » Trading Ethereum » Ethereum potrebbe non essere in una bolla nonostante il suo +8600%

Ethereum potrebbe non essere in una bolla nonostante il suo +8600%

03 gennaio 2018 13:00
Tempo di lettura: 4 min.
03 gennaio 2018 13:00
Emanuele

Dire che quest’anno le criptovalute hanno investito il mercato in una corsa allo sbando, sarebbe come definire una Ferrari una semplice utilitaria.

Ethereum, la seconda più importante criptovaluta dopo Bitcoin, ha superato l’8.600% quest’anno, dopo un inizio nel 2017 da un modesto 8$ è salito a quasi 900$ a partire da Novembre. Ma per molte ragioni, potrebbe non essere in una bolla. Ci sono ancora molti chilometri da percorrere prima di raggiungere Bitcoin e Bitcoin Cash.

Dopo i guadagni sbalorditivi di quest’anno, le criptovalute più importanti sono cadute in un mercato ribassista. Lo scorso mese Bitcoin ha corretto il 23% dal picco intraday di tutti i tempi, pari a $ 17.776, secondo CoinMarketCap.com.

Bitcoin Cash è crollato del 36%, a partire dal 12 novembre, da un apice intraday di $ 2.477 raggiunto lo stesso giorno. Ethereum è sceso del 22% da un record epico di quasi $ 400. Un calo del 20% o più da un massimo di 52 settimane è considerato un mercato ribassista.

La situazione di Ethereum ad oggi

  • Prezzo: $ 879
  • Variazione del prezzo da inizio anno: 8.600%
  • Circolazione totale: 96.721.786
  • : $ 85.034.021.991
Source: coinmarketcap.com

La mania delle criptovalute del 2017 è stata paragonata alla bolla di Internet della fine degli anni ’90 e dei primi anni 2000. Se si tratta di una bolla, è ancora molto lontana dalla grandezza del crash delle dot-com.

Il mercato delle criptovalute che si posiziona a circa 642 miliardi di dollari a livello globale, impallidisce rispetto alla bolla tecnologica, che ha raggiunto 1,7 trilioni di dollari. Da una veduta aerea, Ethereum sembra minuscolo rispetto ad altri beni. Bitcoin, a 232 miliardi di dollari di valore di mercato, troneggia su Ethereum, del valore di circa 85 miliardi di dollari, secondo CoinMarketCap.com.

Il mercato statunitense delle monete rare, che non useresti mai per comprare qualcosa, arriva ogni anno a 5 miliardi di dollari di vendite attraverso aste, spettacoli, ecc. Si stima che le vendite globali raggiungono una cosa come 8 miliardi di dollari. Senza contare il valore di tutte le collezioni “parcheggiate” nei caveau di tutto il paese.

Deloitte stima il mercato dell’arte globale a circa 3 trilioni di dollari con 50 miliardi di dollari di vendite annuali. La quantità di denaro che circola nei mercati azionari e obbligazionari statunitensi ammonta a oltre 26 trilioni di dollari e 31,2 trilioni di dollari, rispettivamente.

Appassionati di Ethereum

Una differenza importante tra le due criptovalute più popolari è che non ci sono limiti al numero di Ethereum che possono essere emessi contro i Bitcoin che sono limitati a 21 milioni. Oltre ad essere un mercato di valore, la piattaforma Ethereum consente agli sviluppatori di creare applicazioni come contratti intelligenti e offerte iniziali di monete, .

“Tra le molte cripto, vedo Ethereum come la più credibile in quanto rende più facile la creazione di nuove blockchain”,

ha detto Harry Dent, economista e autore del prossimo libro, Zero Hour.

“Fa avanzare l’intero settore, e ovviamente penso che questo rappresenti una tendenza importante e non solo una bolla a breve termine”.

“Ethereum consente a individui e organizzazioni di costruire e condurre transazioni complesse indipendentemente da un server centrale o di affidarsi a qualsiasi parte per approvare l’esecuzione.”

spiega Dominic Marella, preside di Icon Alternatives, una società di investimento alternativa con sede a Chicago specializzata in contratti futures.

“JP Morgan ha costruito Quorum usando il protocollo Ethereum”,

ha detto Marella in una e-mail.

“La rete consente un’elaborazione rapida, sicura e più trasparente delle transazioni dei clienti, come pagamenti e trasferimenti di fatture.”

“NotarEth, un servizio notarile che verifica la tua identità tramite la tecnologia ed elimina la necessità di mostrare un ID con un documento stampato.”

“UJO è un sistema di licenze musicali e di pagamento che dà più diritti direttamente agli artisti, al contrario delle grandi case discografiche”.

Gli investitori sembrano ancora più entusiasti di Ethereum rispetto a Bitcoin nella borsa Nasdaq di Stoccolma in Svezia. Gli ETN CoinShares Ether – Ether Tracker One e Ether Tracker Euro – hanno investito 10 milioni di dollari nella loro prima settimana di trading. Al contrario, gli ETN di Bitcoin hanno richiesto un anno per attrarre 10 milioni di dollari in attività.

“La comunità che chiedeva il prodotto si è mostrata in pieno vigore”,

ha detto Ryan Radloff, responsabile di CoinShares.

“E ora, la comunità ha una nuova richiesta: la ricerca”.

Gli ETN di CoinShares Bitcoin sono stati lanciati nel 2015 e hanno attratto $ 330 milioni in attività. Gli ETN di Ethereum hanno debuttato in Ottobre e gli effetti ad oggi sono più che evidenti.

Fonte: forbes.com

Clicca qui per accedere alla guida gratuita su come comprare, vendere, trasferire e conservare in sicurezza gli Ether.

Condividi
  • 3
    Shares

CATEGORIE:

Trading Ethereum


Emanuele

Crypto-lover. Nerd fin dal principio. Ama analizzare numeri, grafici e andamenti. Crea statistiche anche dove non necessario.


  1. ha commentato:

    Non mi è chiaro perché si parla solo di un confronto tra ethereum e Bitcoin quando invece i principali attori del 2017 sono altri, chi ha investito nel ripple ad inizio anno ha fatto guadagni che fanno impallidire sia i possessori di Bitcoin che quelli di ethereum E lo stesso vale per altre criptovalute (Nem, Stellar, etc..).
    A me non sembra una partita a due specie se consideriamo che altri hanno già realizzato il POS, mentre ethereum per ora si ferma ai proclami.
    Vi seguo volentieri da mesi ma ho paura che questi articoli possano diventare un po’ troppo faziosi. Sono sicuro che ho una visione limitata aiutatemi a capire meglio a 360 gradi.

    • ha commentato

      Ciao Claude, è vero che altre coin hanno sovra-performato in termini di gain. Esistono molti progetti piccoli che hanno realizzato percentuali importanti. Personalmente non sono una persona legata “sentimentalmente” ad una tecnologia: come te credo che la migliore alla fine avrà la meglio o meriti almeno di averla (e spero di essere sul cavallo giusto in quel momento). Personalmente però reputo Ethereum una piattaforma molto completa che offre un buon compromesso tra prestazioni, funzionalità, programmabilità e sicurezza. Ricordiamoci sempre che quest’ultimo aspetto è fondamentale quando si investono grosse cifre. Ethereum ha un ecosistema che rende l’asset molto rassicurante sul lungo periodo: altri progetti minori non godono della stessa posizione. Anche per questo, alcuni di essi, offrono funzioni che Ethereum ingloba gradualmente (vedasi zSnark). Il danno in caso di fallimento in Ethereum è molto più grosso. Io sono a favore di tecnologie robuste. Ripple, dal punto di vista speculativo sta funzionando ma… non è una cryptovaluta decentralizzata e mi auguro che il futuro non sia di pseudo-crypto in mano alle banche.

    • ha commentato:

      La questione non è realizzare una chain in pos, ma renderla sicura mantenendola al tempo stesso distribuita.
      Se un algoritmo pos fosse la unica chiave di successo ora peercoin varrebbe più di bitcoin, invece se ne studi la storia degli attacchi che ha avuto capisci meglio quale sia la vera sfida di avere una chain che sia raggiunga il compromesso di sicurezza, scalabilità e distribuzione.
      Lasciando stare ripple che è una pseudo-schifezza in mano alle banche, Nem è sicuramente la più interessante che hai citato, ma su 9mld di nem in circolazione più del 50% è in mano ai primi 50 account, e questo diciamo non sia il massimo della decentralizzazione.
      La sfida del protocollo casper è proprio questa, aumentare la scalabilità ma senza diminuire la decentralizzazione, perchè in caso contrario tanto vale tenersi l’attuale sistema di server.

  2. ha commentato:

    Vi ringrazio entrambi per le precisazioni, e sopratutto per avermi risposto, in alcuni forum c’è molta censura.
    È evidente che bisogna fare una netta distinzione tra speculazione per ritorni rapidi e progetti più seri che invece daranno i loro frutti nel tempo, e sicuramente Ethereum è tra questi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi questo articolo

Invia questo articolo ad un amico