Pionieri della blockchain
Accedi

Ethereum Virtual Machine: cos’è e come miglioreràTempo di lettura: 2 min.

ethereum virtual machine

Con questo articolo di oggi voglio parlarti dell’Ethereum Virtual Machine (EVM), ovvero la macchina virtuale che permette l’uso degli script all’interno della blockchain di Ethereum.

Si è sentito parlare negli scorsi mesi di alcune idee per modificare questo sistema e finalmente ora gli sviluppatori hanno fatto trapelare alcune notizie su questo nuovo progetto legato all’Ethereum Virtual Machine.

Un gruppo di sviluppatori, infatti, sta lavorando per rimpiazzare l’esistente EVM con un’altra costruita sulla base del linguaggio di programmazione WebAssembly, anche chiamato Wasm.

WebAssembly venne creato nel 2015 da un team di esperti che fanno anche parte di Google e Microsoft, tra le altre compagnie.

In un nuovo blog post pubblicato oggi, Martin Becze, ovvero lo sviluppatore del client Javascript dell’Ethereum Foundation, ha spiegato i prossimi passi dell’iniziativa eWASM, la quale include il lancio di un network di test entro il 2017.

Secondo quanto scritto da Becze, questo testnet servirà come hub per una continua sperimentazione, inclusi i lavori all’algoritmo di consenso proof-of-stake chiamato Casper.

Becze ha scritto:

“Il lavoro del testnet sarà: permettere il lavoro diretto su eWASM ad un audience più vasto…e permettere anche altri lavori simili, come anche i test su Casper fornendo una piattaforma flessibile per la sperimentazione.”

L’implementazione di eWASM ha molti vantaggi. Questo cambiamento di linguaggio di programmazione, infatti, permetterebbe all’esecuzione dello script di avere una velocità “near-native”, sfruttando i vantaggi delle capacità dell’hardware. Inoltre, ciò permetterebbe una vasta gamma di utilizzi che tipicamente richiederebbero alta performance e una capacità di throughput.

Secondo il suddetto blog post, il team di eWASM sta anche sviluppando dei tool per supportare l’incorporazione di WebAssembly, così come anche l’integrazione del linguaggio di programmazione degli smart contract, Solidity, in preparazione di un futuro hackathon.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su reddit
Amelia Tomasicchio

Amelia Tomasicchio

Amelia Tomasicchio scrive di Bitcoin ed Ethereum dal 2014. Con una laurea in lettere e un master in marketing, Amelia si occupa soprattutto di content marketing e social media management per diverse aziende nel settore fintech.

Vuoi approfondire le dinamiche di questo articolo?

Prenota una consulenza con un esperto del team di EtherEvolution che saprà rispondere alle tue domande.
Amelia Tomasicchio

Amelia Tomasicchio

Amelia Tomasicchio scrive di Bitcoin ed Ethereum dal 2014. Con una laurea in lettere e un master in marketing, Amelia si occupa soprattutto di content marketing e social media management per diverse aziende nel settore fintech.

Vuoi approfondire le dinamiche di questo articolo?

Prenota una consulenza con un esperto del team di EtherEvolution che saprà rispondere alle tue domande.

2 risposte

  1. Ciao, gli ether minati su “testnet” non possono essere spediti nei wallet reali di ether giusto? Insomma gli eth-testnet non valgono nulla allora perché il mining richiede della potenza di calcolo del mio PC?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi 4 video dall'evento EtherEvolution LIVE

e altre informazioni utili per capire la blockchain ed il mondo di Ethereum

Ricevi 4 video dall'evento EtherEvolution LIVE

e altre informazioni utili per capire la blockchain ed il mondo di Ethereum