Menu
Home » Trading Ethereum » Fibonacci trading: l’estensione di Fibonacci su TradingView

Fibonacci trading: l’estensione di Fibonacci su TradingView

22 Giugno 2018 12:00
Tempo di lettura: 3 min.
22 Giugno 2018 12:00
Daniele Della Corte

Ogni promessa è un debito, ecco quindi l’articolo di oggi dedicato alla nostra saga su Fibonacci trading, le conoscenze di questo grande matematico applicate ai grafici dei mercati.

Nel precedente articolo avevamo focalizzato l’attenzione sul ritracciamento di Fibonacci, quello che invece vedremo oggi è uno strumento altrettanto importante, che non può essere sottovalutato, sto parlando dell’estensione di Fibonacci e di come possiamo utilizzarla all’interno dei grafici su trading view.

Perchè usare l’estensione di Fibonacci?

L’estensione di Fibonacci è da considerare come il passo successivo ad un ritracciamento, ovvero se il mercato ha trovato una fase di questo tipo quindi ha ritracciato e vogliamo cercare di individuare fin dove si possa spingere allora ecco che l’estensione di Fibonacci ci viene in aiuto per identificare quelli che sono i livelli chiave del trend successivo al ritracciamento.

Vediamo insieme come utilizzare questo potente strumento all’interno della nota piattaforma trading view.

L’estensione di Fibonacci all’interno di Trading View

Dopo esserci collegati al nostro account ed essere entrati nella sezione dei grafici andando, andiamo a scegliere il pair su cui vogliamo applicare l’estensione di Fibonacci. Successivamente dalla barra laterale andiamo a selezionare lo strumento, come dall’immagine che segue.

Selezionato lo strumento andiamo sul nostro grafico e teniamo in considerazione che per tracciare l’estensione di Fibonacci necessitiamo di 3 punti, che possono essere un minimo, un massimo ed un minimo o viceversa.

Il mio consiglio per tracciare l’estensione nella maniera più precisa possibile è quello di indicare prima i tre punti in maniera “grossolana” successivamente cliccando sulla linea trattegiata che unisce i tre punti dell’indicatore si aprirà una maschera e selezionando il tab “coordinate” (come da immagine seguente) sarà possibile dare i valori precisi , che potremmo identificare passando con il mouse sulle singole candele dei tre punti leggendo il valore (di minimo o massimo che sia) in alto.

Tracciata al meglio la nostra estensione di Fibonacci andiamo a vedere come leggerla.

Nell’esempio che segue mi trovo sul pair ETH/USD su Kraken in timeframe giornaliero, ecco l’immagine dell’estensione che ho tracciato.

Quello che si evince subito da primo impatto è che il livello 0.236 è stato sentito più volte dal mercato che nelle ultime settimane dopo averlo rotto a ribasso lo sta trovando come una resistenza molto forte, se quindi il mercato dovesse trovare abbastanza forza per rompere quel livello il target successivo sarebbe lo 0.382 che come si può notare anch’esso è un livelo che in precedenza è stato sentito dal mercato con una falsa rottura nei primi di Maggio che non ha avuto forza ed ha dirottato il prezzo verso il livello inferiore.

Questo ci fa capire come i livelli di Fibonacci siano degli indicatori molto potenti e precisi, che non possono essere sottovalutati se si vuol fare analisi tecnica in maniera certosina. Ovviamente questi vanno integrati anche con altri indicatori/oscillatori al fine di avere un quadro più chiaro della situazione.

Consigli utili per l’uso dell’estensione di Fibonacci

Anche per l’estensione di Fibonacci ci sono dei piccoli tips che sono gli stessi che abbiamo visto anche per il ritracciamento.

Infatti nella maschera che si apre cliccando due volte sulla linea tratteggiata, che abbiamo visto prima per il tab “coordinate”, se andiamo sul tab “Stile” otterremo la possibilità:

  • di attivare ulteriori livelli non attivi di default,
  • di cambiare i colori delle aree,
  • di spostare le etichette vicino a ciascun livello (ad esempio nel caso del grafico dell’immagine precedente le ho messe sulla destra anzichè a sinistra come sarebbero state di default)

ed altre piccole funzioni che ci permetteranno di adattare al meglio il l’indicatore nel grafico a seconda delle nostre esigenze specifiche.

Anche per questa puntata legata alla saga sugli strumenti per fare Fibonacci trading è tutto, spero che ora le tue idee sull’uso dell’estensione di Fibonacci all’interno di trading view siano più chiare. Come sempre se hai dei dubbi, delle domande o se vuoi aggiungere spunti di riflessioni e nozioni all’articolo, i commenti sono il luogo adatto a questo e sarò ben felice di leggerti e risponderti quanto prima.



3 VIDEO GRATUITI DALLA DM CRIPTO












Ti invieremo i
VIDEO GRATUITI
e in più, n
elle email successive, il frutto delle nostre ricerche più avanzate sulle criptovalute e i nostri servizi legati ad esse.

Tratteremo i tuoi
dati personali
con la massima cura e in conformità della normativa privacy GDPR UE2016/679. E potrai disiscriverti in qualsiasi momento con un semplice click.


Condividi
  • 7
    Shares

Articoli che potrebbero interessarti

18 Maggio 2018

Fibonacci Trading: come utilizzare il ritracciamento di Fibonacci su TradingView

Fibonacci trading: in questo articolo scoprirai tutto quello che devi sapere...

Leggi tutto

19 Gennaio 2018

Supporti e resistenze: cosa sono e come identificarli sui grafici per fare trading

Scopri subito cosa sono e come si identificano i supporti e...

Leggi tutto

CATEGORIE:

Trading Ethereum

TAG:


Daniele Della Corte

Mi occupo di marketing e di ottimizzazione sui motori di ricerca. Amo gestire e coordinare progetti online. Ho sempre seguito da vicino le innovazioni tecnologiche ed ora sto focalizzando le energie per approfondire la blockchain ed il progetto Ethereum.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi questo articolo

Invia questo articolo ad un amico