InstaDapp: il portale della DeFiTempo di lettura: 6 min.

Maker DAO, Compound, Uniswap ecc... tanti protocolli innovativi, che però si presentano come delle isole sconnesse, separate dal mare. Come si può gestire tutto attraverso un unico portale?

InstaDapp è un’applicazione della finanza decentralizzata, che ha lo scopo di fornire un unico “pannello di controllo” per una serie di altri prodotti del panorama DeFi.

La finanza decentralizzata è oggi il settore in cui si registra maggiore fermento per quanto riguarda le applicazioni blockchain.

I nuovi sviluppi nelle architetture blockchain, protocolli di consenso e paradigmi economici hanno creato una varietà di prodotti per il prestito, lo scambio e il trading di criptovalute.

Con un maggiore controllo che viene dato direttamente agli utenti, i prodotti DeFi tendono ad essere piuttosto separati l’uno dall’altro.

Non esiste un ente centrale che fornisca all’utente gli strumenti necessari per gestire in un solo colpo tutte le attività offerte dalla finanza decentralizzata.

Un utente potrebbe aver bisogno di accedere a due prodotti per fornire prestiti, a un altro per prendere in prestito, e così via, per sfruttare i migliori tassi di interesse e massimizzare i rendimenti.

È qui che entra in gioco InstaDapp.

Il “portale bancario” decentralizzato

Grazie a InstaDapp puoi fare a meno di utilizzare diverse applicazioni per ogni specifica attività, come ad esempio prendere in prestito o scambiare token.

InstaDApp fornisce un’interfaccia che ti consente di sfruttare diverse funzioni in un unico posto. Può essere assimilato a un portale bancario, che mette a disposizione una serie di funzioni per gestire le criptovalute.

InstaDapp è stata lanciata soltanto nel dicembre 2018. In breve tempo è diventata la quarta piattaforma DeFi per quantità di dollari vincolati (35 milioni $ al momento della scrittura).

Uno dei limiti della finanza decentralizzata risiede nel fatto che una serie di attività finanziarie, come il prestito o il trading, sono distribuite tra vari prodotti diversi (MakerDAO, Compound, Uniswap).

Questa separazione rende arduo il monitoraggio delle performance dei propri asset. È ancora più scomodo trasferire le proprie posizioni tra le diverse piattaforme, al fine di ottimizzare i rendimenti.

InstaDApp presenta un portale front-end di facile comprensione, che visualizza la posizione di un utente su una varietà di piattaforme DeFi.

InstaDApp è inoltre completamente non custodiale. Gli utenti conservano il controllo sulle proprie criptovalute. Si preserva il paradigma di decentralizzazione della piattaforma.

Prima di InstaDApp gli utenti dovevano tenere d’occhio manualmente ogni singola piattaforma, per identificare i migliori tassi di interesse, le garanzie richieste e gli altri fattori. InstaDApp riassume tutte queste informazioni in un’unica interfaccia.

Riduce drasticamente il tempo necessario per gestire in maniera ottimale i propri asset!

Quando gli utenti identificano una migliore posizione di asset management, in precedenza avrebbero dovuto eseguire una serie di transazioni complesse per spostare i propri asset. Avrebbero dovuto interagire individualmente con ciascuna piattaforma per completare i passaggi necessari.

InstaDapp sfrutta gli smart contract per tradurre semplici azioni dell’utente (come spostare un asset da una piattaforma all’altra) nei passaggi computazionali necessari per eseguire tali azioni.

In altri termini, se l’utente decide di spostare gli asset da una piattaforma all’altra, deve solo richiedere l’azione attraverso la comoda interfaccia grafica dell’applicazione.

Tutte le complesse azioni necessarie, verranno eseguite senza che l’utente nemmeno se ne accorga.

Le piattaforme con cui è integrato

Al momento della scrittura InstaDApp consente agli utenti di interfacciarsi con MakerDAO, Compound e Uniswap.

Uno dei migliori strumenti disponibili è il bridge tra MakerDAO e Compound. Consente agli utenti di visualizzare i vantaggi di entrambi i protocolli e di prendere decisioni informate e facilmente eseguibili su dove spostare i propri fondi.

Inoltre su InstaDapp è possibile:

  • Migrare le proprie CDP e/o i propri Sai al nuovo sistema MCD

  • Prestare Dai e USD Coin per maturare interessi

  • Utilizzare Maker DAO per generare Dai e gestire le CDP, con la possibilità di agire in leva attraverso una sola transazione (generare Dai e utilizzarli per comprare ulteriori ether che verranno vincolati a collaterale)

  • Sfruttare tutte le funzioni di Compound, con la possibilità di operare in leva su alcuni pair

  • Utilizzare la funzione di liquidity providing di Uniswap

Conclusioni

La decentralizzazione è un valore fondamentale per alcune applicazioni della società. Ma allo stesso tempo genera un certo attrito con riguardo al coinvolgimento di nuovi utenti.

Nel variegato panorama della DeFi, non esiste un’entità centrale attraverso la quale un utente può controllare tutti i propri asset e le rispettive posizioni.

InstaDApp semplifica notevolmente l’esperienza della gestione patrimoniale nel mondo della finanza decentralizzata.

Questa applicazione preserva i vantaggi della decentralizzazione. Non è custodian e sfrutta gli smart contract per garantire che gli utenti abbiano sempre il controllo dei propri fondi.

InstaDapp migliora notevolmente la praticità per gli utenti. Mediante un singolo prodotto aiuta a visualizzare le posizioni dei propri asset e a muoverli facilmente tra i diversi protocolli.

Si riesce più facilmente a ottimizzare i rendimenti e a massimizzare i profitti.

La comodità di InstaDApp è fondamentale per favorire il salto di qualità della finanza decentralizzata.

Tra l’altro è più facile a usarlo che a spiegarlo. Prova InstaDapp!


DISCLAIMER: Il presente articolo ha finalità esclusivamente didattiche, in particolare di descrizione delle caratteristiche di un’appilcazione decentralizzata del panorama blockchain. Questa esposizione non costituisce alcun invito/sollecitazione all’investimento né all’utilizzo dell’applicazione descritta. Non ci assumiamo alcuna responsabilità in caso di danni derivanti da eventuali bug presenti nel codice dell’applicazione, o in caso di fallimento del sistema per via dei limiti che potrebbe presentare nella sua architettura.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su reddit
Giuseppe

Giuseppe

Giuseppe è laureato in giurisprudenza, da sempre appassionato di tecnologia e studioso di tematiche economiche. Stimolato dal potenziale impatto economico e sociale, si approccia al mondo delle DLT; matura particolari interessi nella nuova finanza decentralizzata legata alle tecnologie del ledger distribuito.

Vuoi approfondire le dinamiche di questo articolo?

Prenota una consulenza con un esperto del team di EtherEvolution che saprà rispondere a tutte le tue domande e risolvere ogni tuo problema.
Giuseppe

Giuseppe

Giuseppe è laureato in giurisprudenza, da sempre appassionato di tecnologia e studioso di tematiche economiche. Stimolato dal potenziale impatto economico e sociale, si approccia al mondo delle DLT; matura particolari interessi nella nuova finanza decentralizzata legata alle tecnologie del ledger distribuito.

Vuoi approfondire le dinamiche di questo articolo?

Prenota una consulenza con un esperto del team di EtherEvolution che saprà rispondere a tutte le tue domande e risolvere ogni tuo problema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi 4 video dall'evento EtherEvolution LIVE

e altre informazioni utili per capire la blockchain ed il mondo di Ethereum

Ricevi 4 video dall'evento EtherEvolution LIVE

e altre informazioni utili per capire la blockchain ed il mondo di Ethereum