ETHEREVOLUTION: INSIEME NEL FUTURO

Menu
Home » Blockchain » In che modo la Blockchain cambierà la catena della logistica

In che modo la Blockchain cambierà la catena della logistica

23 Agosto 2018 09:00
Tempo di lettura: 4 min.
23 Agosto 2018 09:00
Alessandro Di Vita

Gestire la logistica di oggi, dalla creazione alla distribuzione di beni, è straordinariamente complesso. A seconda del prodotto, la catena di fornitura può estendersi su centinaia di fasi, più posizioni geografiche (internazionali), una moltitudine di fatture e pagamenti e avere diverse persone ed entità coinvolte per diversi mesi.

A causa della complessità e della mancanza di trasparenza delle nostre attuali catene di approvvigionamento, vi è interesse nel modo in cui le blockchain potrebbero trasformare la catena dei rifornimenti  e l’industria logistica.

Diamo un’occhiata a ciò che non funziona e a come gli attributi unici delle blockchain potrebbero aiutare guardando alcuni esempi di blockchain che hanno già un impatto sulla logistica.

Cosa non va nella catena di approvvigionamento?

La nostra attuale catena di fornitura è difettosa per diverse ragioni. Più di cento anni fa, le catene di approvvigionamento erano relativamente semplici perché il commercio era locale, ma adesso sono diventate incredibilmente complesse.

Nel corso della storia delle catene di approvvigionamento ci sono state innovazioni come il passaggio a trasporto merci via camion o ferrovia o l’emergere dei personal computer negli anni ’80 che ha portato a cambiamenti radicali nella gestione della supply chain. Poiché la produzione è stata globalizzata e gran parte di essa è stata effettuata in Cina, le nostre catene di approvvigionamento sono gravose della loro stessa complessità.

È incredibilmente difficile per i clienti o gli acquirenti conoscere veramente il valore dei prodotti perché c’è una significativa mancanza di trasparenza nel nostro sistema attuale. In modo simile, è estremamente difficile indagare sulle catene di approvvigionamento quando vi è il sospetto di pratiche illegali o immorali. Possono anche essere molto inefficienti, in quanto venditori e fornitori cercano di collegare i punti su chi ha bisogno di cosa, quando e come.

Cos’è la blockchain e come potrebbe aiutare le catene di approvvigionamento?

Mentre la blockchain è associata la maggior parte delle volte al concetto di criptovaluta, la realtà è che la blockchain, è essenzialmente un registro digitale distribuito, ha molte applicazioni e può essere utilizzato per qualsiasi scambio, accordo / contratto, tracciamento e, ovviamente, anche pagamento.

Poiché ogni transazione viene registrata su un blocco e su più copie del registro distribuite su molti nodi (computer), è altamente trasparente. È anche molto sicura poiché ogni blocco si collega a quello precedente e successivo. Non esiste un’autorità centrale sulla blockchain ed è estremamente efficiente e scalabile. In definitiva, la blockchain può aumentare l’efficienza e la trasparenza delle catene di approvvigionamento e avere un impatto positivo su tutto, dal magazzino alla consegna al pagamento. La catena di comando è essenziale per molte cose e la blockchain ha la catena di comando integrata.

Le cose che sono necessarie per l’affidabilità e l’integrità in una catena di approvvigionamento sono fornite dalla blockchain. Essa infatti fornisce il consenso: non vi è alcuna controversia nella catena riguardante le transazioni perché tutte le entità sulla catena hanno la stessa versione del registro. Tutti sulla blockchain possono vedere la catena di proprietà di una risorsa sulla blockchain. Le registrazioni sulla blockchain non possono essere cancellate, il che è importante per una supply chain trasparente.

Esempi di blockchain utilizzati oggi nelle catene di approvvigionamento

Poiché le blockchain consentono il trasferimento di fondi ovunque nel mondo senza l’uso di una banca tradizionale, è molto conveniente per una catena di fornitura globalizzata. Questo è esattamente il modo in cui il produttore di veicoli australiano Tomcar paga i suoi fornitori attraverso Bitcoin.

Nell’industria alimentare, è indispensabile disporre di solide registrazioni per rintracciare ogni prodotto alla sua origine. Quindi, Walmart usa la blockchain per tenere traccia dei suoi prodotti provenienti dalla Cina e tramite la blockchain è in grado di conoscere la provenienza di ogni pezzo di carne, dove viene lavorato, immagazzinato e viene venduto. Anche Unilever, Nestlé, Tyson e Dole usano la blockchain per scopi simili.

BHP Billiton, la più grande azienda di mining al mondo, ha annunciato che utilizzerà blockchain per tracciare e registrare meglio i dati durante il processo di mining con i suoi fornitori. Non solo aumenterà l’efficienza internamente, ma permetterà all’azienda di avere una comunicazione più efficace con i suoi partner.

La trasparenza della blockchain è anche fondamentale per consentire ai consumatori di sapere che stanno supportando le aziende che condividono gli stessi valori di gestione ambientale e produzione sostenibile. Questo è ciò che il progetto Provenance spera di fornire con il suo “blockchain record di trasparenza”.

Il gigante dei diamanti De Beers utilizza la tecnologia blockchain per rintracciare le pietre dal punto in cui sono estratte fino al momento in cui vengono vendute ai consumatori. Ciò garantisce che l’azienda eviti i “conflitti” o i “diamanti del sangue” e assicura ai consumatori che stanno acquistando l’articolo originale.

Ci sono diverse startup della supply chain come Cloud Logistics che hanno visto un’opportunità per fornire soluzioni di supply chain abilitate per blockchain, per migliorare l’efficienza e ridurre i costi per l’enorme industria della supply chain.

Clicca qui per accedere alla guida gratuita su come comprare, vendere, trasferire e conservare in sicurezza gli Ether.

Condividi
  • 4
    Shares

Articoli che potrebbero interessarti

7 Febbraio 2018

5 evoluzioni delle blockchain in arrivo nel 2018

Nel corso del 2017, abbiamo visto i grandi giocatori della tecnologia...

Leggi tutto

15 Maggio 2018

Amazon bussa alla blockchain: partnership che guarda a Ethereum

Si sta per aprire un nuovo capitolo per il mondo blockchain...

Leggi tutto

CATEGORIE:

Blockchain


Alessandro Di Vita


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi questo articolo

Invia questo articolo ad un amico