Home » Blockchain » Blockchain ed immigrazione clandestina: ecco come controllare il problema

Blockchain ed immigrazione clandestina: ecco come controllare il problema

Tempo di lettura: 3 min.
06 luglio 2018 12:00
Daniele Della Corte

Condividi

La blockchain come sappiamo ha valenze che vanno ben oltre quella del puro aspetto speculativo legato alle criptovalute, la vera rivoluzione infatti oltre ad essere legata all’eliminazione delle valute tradizionali sta in dei cambiamenti sociali che rivoluzioneranno la notra vita in maniera unica, alcuni dei quali già rodati come ad esempio il sistema di votazioni.

Tra queste utilità legate alla blockchainUna blockchain è un registro condiviso in cui le transazioni vengono registrate in modo permanente mediante l’aggiunta di elementi alla catena di blocchi. La blockchain funge da record storico di tutte le transazioni che si sono verificate, dal blocco di genesi all’ultimo blocco, da cui il nome blockchain (catena di blocchi). arriva un interessante visione di come questo strumento possa in qualche modo aiutare ad arginare, o quantomeno a controllare, il fenomeno dei flussi immigratori clandestini, tema che nel nostro bel paese stiamo vivendo in maniera molto intensa da quando è stato formato il nuovo governo, con tutti i vari avvenimenti politici che non è nostro compito commentare.

Il problema di fondo dell’immigrazione clandestina

Sappiamo che l’immigrazione clandestina trova il suo più grande problema nella mancata possibilità di  identificare le generalità dei migranti che per questo motivo vengono definiti clandestini, la cui etimologia del termine richiama proprio il termine “di nascosto”.

Non sapere quindi le generalità di queste persone rende difficile lo “smistamento” dei flussi per capire chi ad esempio può definirsi un rifugiato di guerra (o politico che dir si voglia) a differenza di chi non è scappato da nessuna situazione che ne condizionava la propria sopravvivenza.

Questa mancanza d’identificazione, chiara e certa, rende tutto molto più complicato per chi deve accogliere o rimpatriare queste persone.

Ora che è chiaro quale sia uno dei punti dolenti dell’immigrazione clandestina vediamo come la blockchain può aiutarci in questo.

La blockchain per definire un identità digitale

Il progetto Building Blocks del World Food Programme è già realtà in Giordania.

In questa nazione il sistema ha “schedato” diversi rifugiati attraverso la loro retina dell’occhio, e parliamo di un intero campo profughi che ospita oltre 75mila persone e bene presto verrà adottata per identificare tutti gli oltre 500mila profughi dislocati nel territorio giordano.

Attraverso di essa ogni rifugiato ha un suo documento digitale che riporta le generalità di quest’ultimo ed associa ad esso un wallet che gli consente di fare acquisti in un supermercato del WFP, pagando semplicemente con la ricognizione visiva, un sistema denominato appunto “eye-pay”.

Questo oltre a portare diversi vantaggi legati all’identificazione della persona, ha permesso anche di abbattere del 98% i costi delle tasse legate alle trasazioni bancarie per la gestione degli aiuti umanitari, tutto grazie alla rete Ethereum.

Tornando quindi al fenomeno dell’immigrazione clandestina, è possibile arginarlo e controllarlo proprio grazie a strumenti come questo che eliminano ogni tipo di documento cartaceo e salvano tutto sul grande database decentralizzato ed immutabile che è la blockchain di Ethereum, pronto per essere interrogato alla frontiera con una semplice scansione della retina.

Conclusione

La questione diventa quindi puramente d’interessi collettivi e ci chiediamo se i governi abbiano più interesse nel tutelare questi clandestini e la nazione che li ospita o se l’attuale situazione debba rimanere immutata visto che va a toccare interessi bancari (che abbiamo visto perdere diverso denaro) e come si è scoperto anche di cooperative politicamente schierate, ma non spetta a noi trarre conclusioni in merito.

Come sempre ci tengo a precisare che EtherEvolution non appartiene a nessuna schiera politca, l’unico schieramento che ci appartiene è quello della libertà individuale sempre nel rispetto del prossimo. Per qualsiasi domanda o dubbio, o semplicemente se vuoi aggiunere informazioni utili e pertinenti con l’argomento immagrazione e blockchain sarò ben felice di leggerti e risponderti nei commenti.

Condividi
  • 15
    Shares

Articoli che potrebbero interessarti

28 giugno 2018

Reddito di cittadinanza e blockchain: ecco la piattaforma con cui sarà fattibile!

Nel nostro paese si è parlato più volte nell'ultimo periodo di...

Leggi tutto

4 maggio 2018

Criptovalute e dichiarazione dei redditi: facciamo chiarezza

Contenuto dell'articolo1 L’inquadratura fiscale delle criptovalute2 I due macro scenari fiscali...

Leggi tutto

CATEGORIE:

BlockchainProgetti su Ethereum


Daniele Della Corte

Mi occupo di marketing e di ottimizzazione sui motori di ricerca. Amo gestire e coordinare progetti online. Ho sempre seguito da vicino le innovazioni tecnologiche ed ora sto focalizzando le energie per approfondire la blockchain ed il progetto Ethereum.


  1. ha commentato:

    Ottimo articolo Daniele

    • ha commentato

      Grazie tanto Davide 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi questo articolo

Invia questo articolo ad un amico