LE NEWS SU ETHEREUM IN ITALIA

Menu
Home » Blockchain » Il caso del massimalismo di Ethereum (PT2)

Il caso del massimalismo di Ethereum (PT2)

11 febbraio 2018 13:16
Tempo di lettura: 4 min.
11 febbraio 2018 13:16
Emanuele

Questo è il secondo capitolo del post di qualche giorno fa che potrete visionare qui.

Ethereum contro Bitcoin: da che parte stiamo?

Ethereum domina Bitcoin? Non ancora, ma sembra che presto potrebbe farlo, almeno negli aspetti più importanti. Guardiamo alcuni indicatori.

di mercato

Bitcoin è ancora in testa nella capitalizzazione di mercato, che è un buon indicatore di adozione, di circa il doppio.

Numero di transazioni on-chain

Ethereum sta attualmente processando più di tre volte il numero di transazioni on-chain rispetto a Bitcoin. Questa metrica potrebbe essere considerata un proxy per la quantità d’utilizzo nel mondo reale.

Quantità di trading

Bitcoin ha al momento circa il triplo degli scambi in fiat su exchange rispetto ad Ethereum. E’ sensato dire che Bitcoin al momento abbia maggiore liquidità rispetto ad Ethereum.

Mining reward

Il mining reward è un buon indicatore di quanto è sicura la funzione principale di una , poiché è correlato con il costo necessario a condurre un attacco del 51% sul network.

I mining reward sulle 24 ore sono pressappoco uguali fra Bitcoin ed Ethereum, indicando che almeno per quanto riguarda la funzione principale (hashing) delle reti, entrambi hanno per il momento lo stesso livello di sicurezza.

Numero di full node

Il numero di full node è a volte considerato una misura di decentralizzazione del network.

La ragione per la quale alcuni sviluppatori di Bitcoin sono avversi ad un aumento delle dimensioni del blocco è che temono che questo aumenterà le risorse necessarie per gestire un full node, risultando in una quantità minore di nodi e più centralizzazione.

Al momento, Ethereum ha un numero di full node che è il doppio rispetto a quello di Bitcoin, con carichi di ancora più grandi per unità di tempo.

Costi nelle transazioni

A parità di altre condizioni (ad esempio mining reward), per una criptovaluta è meglio avere tariffe più basse.

Ethereum ha tariffe per effettuare transazioni molto più basse rispetto a Bitcoin, nonostante processi un numero maggiore di transazioni ed nonostante abbiano lo stesso mining reward generale (che porta alla sicurezza generale).

Tuttavia, Ethereum avrebbe bisogno di lavorare per assicurarsi che lo scaling on-chain continui in modo tale da mantenere le tariffe basse.

Frequenza dei blocchi

Bitcoin processa blocchi secondo un processo Poisson con una frequenza media di 10 minuti.

La frequenza media di Ethereum è sull’ordine di 15 secondi. Questo vuol dire che con molta certezza la vostra transazione sarà autorizzata molto prima con Ethereum rispetto a Bitcoin.

Robustezza del linguaggio di scripting

Ethereum presenta un set di istruzioni completo Turning con diverse lingue di programmazione più o meno comuni, mentre Bitcoin possiede soltanto codici limitati e indecifrabili.

Questo vuol dire che Bitcoin può rappresentare soltanto un registro o alcuni pagamenti condizionali molto basilari, mentre Ethereum può rappresentare uno stato di Turing completo.

Questo sembra essere un evidente vantaggio per Ethereum , mentre alcuni critici sembrano volerlo far sembrare un vantaggio per Bitcoin.

Qualità della governance

La qualità della governance di Bitcoin è pessima, come abbiamo detto prima. Nel mentre, la comunità di Ethereum è pratica e congeniale. Entrambi i team possiedono scienziati informatici dal grande talento, ma la cultura di Ethereum è decisamente superiore.

Il fondatore di Ethereum, Vitalik Buterin spicca per la sua maturità, umiltà e leadership. Alcune volte Buterin è stato definito ingiustamente un dittatore, ma queste accuse sono infondate.

Egli sembra in grado di comprendere in maniera intuitiva il bisogno di costruire un largo consenso all’interno della comunità, un consenso che di fatto esiste.

Alcune volte le istituzioni di governance di Ethereum sono state criticate per il salvataggio degli investitori di DAO risalente al 2016, ma questo argomento merita un articolo a parte.

Risultato finale

Bitcoin continua ad avere un vantaggio certo nella capitalizzazione di mercato (effetti di rete) e volume di trading (liquidità) ed è legata ad Ethereum tramite block reward (sicurezza della chain).

Ethereum ha un vantaggio in tutte le altre dimensioni: numero di transazioni, numero di full node, tariffe più basse, frequenza dei blocchi, capacità di scripting e qualità della governance.

Se Ethereum crescesse abbastanza da passare in vantaggio nella capitalizzazione di mercato (il “flippening”), passerebbe in vantaggio anche in block rewards.

E’ difficile immaginare che si possa lasciare la liquidità alle spalle. In altre parole, se il prezzo degli ether raddoppiasse e quello dei bitcoin si dimezzasse, Ethereum potrebbe essere permanentemente in vantaggio rispetto a Bitcoin su quasi ogni aspetto che conta.

Questo sembra non solo plausibile, ma probabile.

Di: Blog.Elidourado

 

Clicca qui per accedere alla guida gratuita su come comprare, vendere, trasferire e conservare in sicurezza gli Ether.

Condividi
  • 12
    Shares

Articoli che potrebbero interessarti

9 febbraio 2018

Il caso del massimalismo di Ethereum (PT1)

“Ethereum sarà il vincitore assoluto, ma i mercati non l’hanno ancora...

Leggi tutto

17 febbraio 2018

Il caso del massimalismo di Ethereum (PT3)

Gli assolutisti di Bitcoin diffondono spesso critiche su Ethereum, alcune delle...

Leggi tutto

CATEGORIE:

BlockchainTrading Ethereum


Emanuele

Crypto-lover. Nerd fin dal principio. Ama analizzare numeri, grafici e andamenti. Crea statistiche anche dove non necessario.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi questo articolo

Invia questo articolo ad un amico