LE NEWS SU ETHEREUM IN ITALIA

Menu
Home » Trading Ethereum » Cosa sono e come leggere le candlestick sui grafici per fare trading?

Cosa sono e come leggere le candlestick sui grafici per fare trading?

12 gennaio 2018 12:00
Tempo di lettura: 4 min.
12 gennaio 2018 12:00
Daniele Della Corte

Condividi

Se vuoi iniziare a fare trading o hai appena iniziato, oggi andremo a vedere un aspetto basilare che ogni trader deve assolutamente conoscere, ovvero cosa sono e come leggere le candlestick (candele giapponesi) sui grafici. Dopo l’articolo precedente in cui abbiamo visto le differenze tra fare trading sui mercati tradizionali e quelli delle criptovalute oggi continuiamo con l’abc del trader, quindi se non conosci queste nozioni e stai facendo delle operazioni, fermati subito e cerca almeno di capire come leggere le basi di un grafico.

Cosa sono le candlestick (candele giapponesi)?

Le candlestick, o candele giapponesi, sono un modello con cui è possibile rappresentare i grafici legati al trading. Ideate per l’appunto in Giappone, diverso tempo fa venivano utilizzate nel mercato del riso, ma vista la loro struttura ed efficacia ben presto sono state adottate dal trading facendo così la fortuna del suo creatore.

Le candele giapponesi sono senza dubbio il modello prediletto dai trader per poter leggere i grafici, in quanto a colpo d’occhio riescono a fornire informazioni utili per poter svolgere al meglio l’analisi tecnica come ad esempio l’identificazione di supporti e resistenze.

Come si leggono le candelstick?

Le candlestick si leggono in maniera molto semplice, ogni candela è composta da: un real body, ovvero il corpo centrare reale della candela, e da delle lower/upper shadow, ovvero le delle ombre sopra e sotto il corpo della candela, che rappresentano i minimi ed i massimi che quest’ultima ha toccato (queste non è detto che debbano essere necessariamente presenti).

La candela può assumere due colori, solitamente verde quando si tratta di una candela rialzista e rossa quando invece indica un ribasso.

come è composta una candlestick

A seconda del timeframe con cui leggiamo i nostri grafici, una singola candela ci restituirà fondamentalmente 4 informazioni:

  • Opening: il prezzo di apertura di quella candela
  • Lower: il prezzo più basso raggiunto dalla candela
  • Higher: il prezzo più alto raggiunto dalla candela
  • Closing: il prezzo di chiusura di quella candela

In strumenti di trading, come ad esempio TradingView, solitamente basta posizionarsi con il mouse sopra una singola candela per poter leggere questi valori.

i valori di aperura chiusura massimo e minimo di una candlestick

Attraverso la lettura delle candele possiamo farci un idea del tipo di movimentazioni che sta subendo un mercato, se ad esempio sono stati scambiati molti volumi, se ci troviamo in un momento di calma piatta, se invece c’è stato ad esempio un panic sell, o altri tipi di tendenze.

Quali sono i vari tipi di candlestick?

I candlestick possono essere classificati in vari tipi, ognuno con il suo nome, andiamo a vedere quali sono le principali categorie in cui possiamo racchiudere un candlestick e che tipo di indicazioni possiamo trarne in linea di massima.

pricipali tipi di candlestick

Long days o long body

Candele che hanno una differenza sostanziale tra il valore di apertura e quello di chiusura, non si considerano le shadow e neanche se la candela è rialzista o ribassista.

Short days o short body

L’esatto contrario delle precedenti sono delle candele che hanno una differenza minima tra il valore di apertura e quello di chiusura, non si considerano le shadow e neanche se la candela è rialzista o ribassista.

Spinning tops

Sono un valido indicatore per capire quando un mercato è in una fase di incertezza, hanno dei real body molto corti e delle shadow importanti, non si considera il fattore rialzista o ribassista della candela.

Maruzobu

E’ un tipo di candela che sta ad indicare una decisione di mercato forte, infatti dal suo punto di apertura il punto di chiusura corrisponde esattamente con il massimo (per candele rialziste) o con il minimo (per candele ribassiste).

Doji

Sono delle candele dove il prezzo di apertura è uguale, o molto vicino quando la volatilità è ampia, rispetto al prezzo di chiusura. Si possono dividere in quattro tipi di doji:

  • Long legged doji: quando la candela ha le shadow, sia upper che lower, molto pronunciate e con un escursione di prezzo simile, segnala un mercato indeciso.
  • Gravestone doji: quando la candela ha solo l’upper shadow ed è molto pronunciata, da considerare come segnale ribassista.
  • Dragonfly doji: l’opposto della precedente, ovvero quando la candela ha solo la lower shadow ed è molto pronunciata, lascia intendere un segnale rialzista.
  • Apertura, massimo, minimo, chiusura allo stesso punto. Evento assolutamente raro, indica un mercato in stallo completo, dai volumi di scambio nulli.

Per questa panoramica iniziale sulle candlestick direi che è tutto, spero che se ti stai avvicinando a questo settore per la prima volta hai trovato validi spunti di crescita per la lettura dei grafici e delle candlestick, e ricorda che per eventuali domande puoi scrivermi nei commenti. Se il tuo scopo è quello di fare trading sui mercati delle criptovalute, non puoi perderti le guide gratuite e tutto il materiale che abbiamo preparato.

Clicca qui per accedere alla guida gratuita su come comprare, vendere, trasferire e conservare in sicurezza gli Ether.

Condividi
  • 20
    Shares

CATEGORIE:

Trading Ethereum

TAG:


Daniele Della Corte

Mi occupo di marketing e di ottimizzazione sui motori di ricerca. Amo gestire e coordinare progetti online. Ho sempre seguito da vicino le innovazioni tecnologiche ed ora sto focalizzando le energie per approfondire la blockchain ed il progetto Ethereum.


  1. ha commentato:

    Ciao, articolo molto interessante e chiaro. Avrei solo una perplessità riguardo il concetto di candele doji: nell’articolo sono descritte come “candele dove il prezzo di chiusura è uguale … rispetto al prezzo di chiusura”. Apparentemente sembrerebbe una tautologia, quindi sarei grato se ricevessi delle delucidazioni riguardo questo argomento.

    • ha commentato

      Ciao Michele,

      grazie per la segnalazione perchè si tratta di un refuso.

      Le doji sono infatti delle candele dove il prezzo di apertura è uguale a quello di chiusura.

      Entro la settimana preparo un immagine da integrare all’articolo per fare maggiore chiarezza a riguardo.

      Grazie e buon trading.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi questo articolo

Invia questo articolo ad un amico